fbpx

Filmati dal Pakistan – Levrieri irlandesi esportati vivono in condizioni orrende.

 

Emerge un filmato che non fa altro che confermare le deprecabili condizioni cui sono sottoposti i levrieri irlandesi, esportati in Pakistan.

Nell’inquietante video, girato in Pakistan, i levrieri appaiono confinati in gabbie sporche e ubicate nei sotterranei di una struttura.

Tra i levrieri irlandesi troviamo Shilos Blaze (in precedenza apparteneva ad un allevatore della Contea di Kerry), Gurteen Time (precedentemente utilizzato nel “coursing” presso la Contea di Cork), Tullig Light (ultima corsa effettuata a Tralee, nel Dicembre 2008) e Coolree Boom (ultima corsa a Youghal il 7 ottobre 2013).

Un video sul sito dell’ Irish Greyhound Board (IGB) mostra Coolree Boom che finisce in ultima posizione proprio nella sua ultima gara fatta in Irlanda.

Proprietari e allevatori, dovete VERGOGNARVI di esportare i vostri cani in Pakistan, un paese dove purtroppo vengono compiute orrende crudeltà sugli animali.

Governo irlandese e Governo britannico, dovete VERGOGNARVI per non aver fatto nulla per fermare queste esportazioni.

Si stanno incrementando gli appelli per vietare queste esportazioni verso il Pakistan.
Il gruppo CAGED Nationwide, evidenziando la difficile situazione in cui versano i levrieri irlandesi esportati nel continente asiatico ha dichiarato: “I levrieri irlandesi, allevati per l’industria della corsa, sono costretti a viaggiare per migliaia di chilometri, verso paesi dove non esistono leggi che tutelano il loro benessere“.

Circa l’80%  dei cani vengono inviati al Regno Unito dall’Irlanda, ma molti sono poi trasportati in paesi come il Pakistan, dove non esistono leggi che garantiscono il benessere degli animali e dove non esiste nulla che possa tutelarli dalla sofferenza e dalla morte”.

Secondo il “Cork Dog Action Welfare Group”, l’IGB (Irish Greyhound Board) ha tenuto una vendita internazionale di 117 levrieri, lo scorso Agosto a Shelbourne Park.

“Gli acquirenti provenienti da tutto il mondo hanno partecipato a questa vendita e quindi, ancora una volta, alcuni dei nostri levrieri irlandesi probabilmente saranno finiti in paesi come la Cina, il Pakistan e la Spagna, tutti ben conosciuti per lo spietato e crudele trattamento riservato agli animali”.

 

Kerry Elliman della “Birmingham Greyhound Protection” ha anch’essa condannato le esportazioni, dicendo che un suo contatto in Pakistan le ha raccontato che “è terribile per i cani…c’è un caldo torrido, non ci sono leggi sulla protezione degli animali, non esiste nessun programma di “rehoming”, non ci sono molti veterinari e quelli che ci sono, stanno a diverse ore di distanza” e  le ha anche raccontato che  “ha visto levrieri lasciati morire di fame, alla fine della loro carriera”.

  URGENT ACTION ALERT Se puoi, partecipa alla protesta pacifica “End Greyhound Exports Protest Dublin” martedì 18 luglio dalle 11:00 alle 16:00, fuori dal Dipartimento dell’agricoltura, presso Kildare Street a Dublino. Link EVENTO: https://www.facebook.com/events/246118319226189  

Unisciti a noi nel fare pressione sul Governo irlandese per vietare le esportazioni e salvare i levrieri dai posti infernali come il Pakistan, la Cina e altri paesi con poca o addirittura nessuna legge che tutela gli animali.

  Contatta: Leo Varadkar: Email: leo.varadkar@oireachtas.ie frances.fitzgerald@oir.ie Telefono: +353 (0) 1-6194020 Michael Creed TD Ministro dell’Agricoltura Kildare Street, Dublino 2. Email: michael.creed@oir.ie Tel: +353 (0) 1-607 2000 o LoCall 1890-200510. Lascia un commento su Facebook: https://www.facebook.com/michaelcreedtd Tweetta a: @creedcnw   Firma e condividi la petizione: “Fermiamo l’esportazione dei levrieri irlandesi in Pakistan – Stop the Export of Irish Greyhounds to Pakistan” Link Petizione : https://www.change.org/p/stop-the-export-of-irish-greyhounds-to-pakistan Link post FB:
Fonte: Ban Bloodsports     © Riproduzione riservata

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×