fbpx

Emanuel – Sul ponte il 5 dicembre 2017

Il giorno 5 dicembre 2017  Emanuel  se ne è andato improvvisamente, colpito da infarto mentre era nel paddock del rifugio e giocava con i compagni.  Aveva già una famiglia che lo aspettava con gioia e stava per iniziare una la vera vita, ma il destino beffardo ha deciso diversamente per lui.  Siamo profondamente addolorati, ma ci consola pensare che in rifugio, grazie a Cobie Stekeete,  Emanuel  ha conosciuto amore e cura ed è stato sereno. Ciao Emanuel, non ti dimenticheremo. Galgo maschio Nato nel 2013 In rifugio da dicembre 2016 Mantello tigrato Lo statuario Emanuel, appena ci ha visto nel patio del rifugio, ha mostrato una grande gioia. Si è avvicinato scodinzolando  e non ha perso occasione per sottoporsi ad una seduta intensiva di carezze e massaggini. Emanuel è stato scartato dopo tre anni e, come spesso accade, è stato  abbandonato in campagna, perchè è la cosa più comoda e semplice da fare per il galguero, quando vuole disfarsi di un galgo che non serve più. Migliaia di galgo finiscono investiti ogni anno o muoiono si stenti dopo l’abbandono. Se vengono catturati, il loro destino è la perrera che, per un galgo, significa iniezione letale dopo pochi giorni, perchè nessuno è interessato ad adottarli. Emanuel  è uno dei pochi fortunati che ce l’ha fatta dopo l’abbandono. La sua natura fiduciosa e amichevole verso le persone l’hanno aiutato molto. Ha potuto essere avvicinato da persone amanti degli animali, che l’hanno portato in salvo al rifugio Residencia, prima che lo catturasse il personale della perrera di Valladolid, la famigerata “stazione della morte”. Emanuel attende ormai da un lungo anno in rifugio, forse per questo dimostra tanto bisogno di affetto. E molto socievole ma, ‘ comunque, appropriato verso gli umani e verso gli altri cani. Nel patio l’abbiamo visto interagire con gli altri galgo e abbiamo potuto notare il suo comportamento. Emanuel era a suo agio, giocava con i compagni, molti di questi maschi interi, in modo appropriato  ed educato. Emanuel  è idoneo a vivere in famiglie con cani di ogni taglia e razza, grazie alla la sua indole gentile e socievole. E’ stato testato con gatto fermo e si è mostrato completamente indifferente. Riteniamo che Emanuel possa vivere in una famiglia con felini, se verranno applicate le corrette procedure di inserimento. A distanza di tempo verrà sottoposto, come sempre, a un ulteriore  cat test di sicurezza in gattiera, a Medina. Emanuel è un galgo stupendo, di taglia medio-grande, dal bellissimo  mantello tigrato. Probabilmente quando avrà una famiglia tutta per sè, sara’ il  classico “galgo-cozza”  che dopo una bella passeggiata insieme, sarà appagato nello starvi accanto sul divano, appoggiato alle vostre gambe, a stretto contatto con voi. Solare, amichevole con persone e cani, affettuoso e dolcissimo,  Emanuel  sarà un magnifico compagno che riempirà di amore e di sorrisi la vostra vita. Emanuel è adottabile per l’arrivo del 25 febbraio. Per adottare o per informazioni più dettagliate potete contattarci – scrivendo a: [email protected] o [email protected] – telefonando ai seguenti numeri cell. 3389541011 – 3454543054 – compilando direttamente il modulo “Domanda di adozione” che trovate sul nostro sito a questo link http://adozioni.petlevrieri.it.   Presentazione di Emanuel (con la partecipazione di Julia )  

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×