Messaggio di un levriero rescue ai suoi potenziali adottanti

Amico mio, sono così felice che tu abbia aperto il tuo cuore e che abbia deciso di darmi una nuova vita.

Non puoi immaginare cosa questo rappresenti per me. La mia vita è breve e quello che per te è un piccolo tempo, per me è una parte grande, tanto grande della mia esistenza. I pochi anni della tua vita che mi concederai, per me, sono tutto.

Per questo devo chiederti innanzitutto di avere pazienza. Quando arrivo lasciami il tempo giusto per capire cosa mi sta accadendo, non mettermi pressione e non chiedermi cose che non posso ancora darti. Se sbaglio qualcosa, non arrabbiarti, ma cerca di cambiare prospettiva, di guardare le cose anche dal mio punto di vista.

Hai avuto un profilo che in qualche modo mi descrive: è una fotografia di un momento della mia vita e, dunque, come tutte le fotografie, non dice tutto di me. Le fotografie si illudono di fermare il tempo, ma non sono un film. E il tempo assomiglia di più a un film che a una fotografia.

L’associazione ti ha detto cosa devi fare e cosa no: non inventare, ma metti in pratica. Perché per quanto tu possa essere esperto, loro mi conoscono molto meglio di te e magari hanno competenze che tu non hai.

Soprattutto, ti prego, ricorda che le relazioni tra esseri viventi si costruiscono insieme. Dunque, prima di valutare me, valuta te stesso, il modo in cui ti approcci a me, cosa sbagli, cosa fai bene.

Sai, in un mondo perfetto tu avresti il mio profilo, ma anche io avrei il tuo. E come tu puoi scegliere, anche io potrei farlo. Ma questo non è un mondo perfetto e dunque sei tu ad avere la responsabilità di scegliere per me. Prova a pensare, allora, se il tuo profilo è adeguato al mio, se hai voglia e tempo per capirmi, per metterti in gioco, per cambiare, per crescere. Se non sei in grado di fare questo, per favore, non adottarmi. Puoi aiutare me e i miei fratelli in tanti altri modi.

Può darsi che tu scopra strada facendo di non essere in grado: pazienza, se ci avrai comunque messo tutto quello che hai, non potrò rimproverarti. Io, magari, non starò tanto bene, ma capirò comunque che ci hai messo amore e impegno.

Ma se alle prime difficoltà penserai che sono un cattivo cane, se non ti metterai minimamente in gioco, se cercherai scuse per salvare la tua coscienza, allora lo sbaglio sarà tutto tuo. Io non te ne vorrò, ma non sarai stato né amorevole né responsabile. Sarai solo un grande egoista. In fondo, non tanto diverso da quelli che mi hanno sfruttato.

Io sono un essere vivente, con il mio passato, i miei desideri, le mie paure. Non sono un oggetto che esiste per soddisfare il tuo narcisismo. Se è questo che vuoi, compra un pupazzo.

Tags: , , , , , , , , ,