Basta con i luoghi comuni su greyhound, galgo e gatti

Ogni tanto butto l’occhio in giro e finisco per incontrare sciocchezze, sempre le solite, circa la convivenza tra galgo, grey e gatti. Di base, la sciocchezza è la seguente: se avete un gatto scegliete un galgo. Le motivazioni addotte sono o generiche considerazioni sulle caratteristiche di razza, più presunte che reali, o l’esperienza personale.

Comincio col fare presente che una domanda del tipo “meglio un greyhound o un galgo?” è mal posta. Ogni greyhound è diverso e ogni galgo pure: ci sono greyhound che convivono coi gatti senza problemi e galgo che sono i peggiori killer di gatti che possiate incontrare. Si raccontano sciocchezze sul fatto che i galgo farebbero vita promiscua, il che è vero a volte ma non sempre. Per esempio, un conto sono i galgo degli zingari, un conto quelli dei galguero che fanno competizioni. E secondo voi i galgo allenati con prede vive sono ok gatti?

Dunque se avete gatti e volete salvare un levriero cambiate domanda, non “quale razza” ma “quale cane”. E soprattutto ricordate che l’inserimento di un cane anche ok gatti in una casa con gatti richiede precisi accorgimenti. Ricordate anche che un conto è il gatto in casa e un conto è il gatto che sfreccia in giardino. Insomma approfondite e applicate le regole necessarie. Se l’associazione è seria cercherà il cane migliore per voi.

Tags: , , , ,