fbpx

Portogallo – Gli allevatori negano il maltrattamento con la favola: “Correre è nel DNA dei levrieri “

L’allevatore di levrieri Ricardo Moreira, uno dei più grandi e premiati allevatori di levrieri della regione

Ancora una volta gli allevatori di levrieri in Portogallo negano l’evidenza della crudeltà: il doping, gli allenamenti violenti, le scosse elettriche e le scommesse.

Di seguito la traduzione dell’articolo del portale informativo portoghese JN  che riporta alcune delle interviste.

Allevatori di levrieri contro la fine delle gare. “Correre è nel DNA degli animali”

“Non li uccidiamo! E li rendiamo felici! Il loro istinto è di correre”, dice Ricardo Moreira, un famoso allevatore di levrieri. Il bisnonno aveva i levrieri, suo nonno e anche suo padre, Ricardo seguì le loro orme. In Portogallo, ci saranno 600 levrieri.

I greyhound, gli unici usati nelle gare nazionali, saranno circa 250. Negano il doping, gli allenamenti violenti, le scosse elettriche e le scommesse di milioni di persone e assicurano che se le razze saranno bandite, come Pan e BE vogliono, tra dieci anni, “la razza più antica del mondo scomparirà dal paese”. “Sono atleti con un istinto di caccia. Correre è nel loro DNA e nella struttura fisica ”  – spiega Numo Ferreira da Silva, della Federazione nazionale di Galgueiros.  Ricardo è con Dubai e Njnja. Si avvicina il momento di una delle quattro partenze giornaliere, anche se i cani non usano un orologio, “percepiscono”. Nelle gabbie, con il letto, le coperte e tutto il necessario, c’è il vento e la musica. Fuori, un enorme giardino “tutto per loro”.

“A causa loro, dormo da cinque a sei ore a notte. E’ una passione”, sottolinea l’agente della PSP di 35 anni, disgustato dalle “accuse infondate” di Pan e BE. E nega, uno per uno: scossa elettrica per correre? “Sono timidi e troppo sensibili. Se usassi scosse elettriche, non correranno mai più. Non è vero. Addestramenti violenti? Con figlie e famiglia? Non è vero, è la loro più grande gioia, ma sempre all’aria aperta. La domenica, è il giorno di gara. Nessuno li tiene nelle gabbie. Doping?” Mai. Compresse a base di magnesio e potassio per favorire il recupero. Tutti i miei cani sono donatori di sangue ? Sarei stato segnalato dalla Animal Blood Bank. “Milioni di scommesse? Ci sarebbe una Ferrari alla porta! Al massimo, una medaglia ad ogni gara.” Ho solo delle spese, niente guadagno ” Abbandono di quelli che non corrono più ? I greyhound da corsa hanno tutti il chip e il tatuaggio sulle orecchie. È facile arrivare al proprietario.

“Ricardo è di Póvoa de Varzim e uno degli allevatori più premiati del paese..L’unico ad aver vinto il campionato nazionale con un cane “nato e cresciuto in Portogallo” vincendo tutte e tre le categorie.  Ci sono sei fratelli in finale. Thor è un campione. Ora è il padre delle cucciolate di successo. Adesso ha  dieci anni ed fa una “vita da re”, non gareggia, ma ama correre. Riesce a malapena a uscire dalla gabbia, veniamo per conversare, scattare fotografie alle feste.

L’allevatore si rammarica che coloro che sostengono la fine delle gare abbiano sempre rifiutato l’invito a fare visita. “Non vogliono vedere la verità”, dice.

La corsa inglese – È la razza di cani più antica del mondo. È un cane snello e usato storicamente nella caccia. In Portogallo, solo il levriero inglese viene utilizzato nelle corse. Il levriero spagnolo viene utilizzato nella caccia alla lepre.

Allenamento con tapis roulant – In paesi come l’Inghilterra o l’Irlanda, le corse di levrieri sono professionali. Ci sono milioni di scommesse e cani che si allenano sui tapis roulant. In Portogallo, lo sport è amatoriale e i vincitori vengono premiati solo con la coppa.

Motivi per vietare le corse – PAN ed BE vogliono vietare le corse. Argomenti: addestramento violento, scosse elettriche, doping, abbandono di coloro che non servono più e gioco d’azzardo illegale.

Articolo originale : https://www.jn.pt/nacional/criadores-de-galgos-contra-fim-de-corridas-correr-esta-no-adn-dos-animais-11067167.html

@Petlevrieri

 

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×