fbpx

Carattere

Trattandosi di un cane che ha sempre vissuto all’interno della famiglia, il carattere del Lurcher è in genere amabile, intelligente, tranquillo, socievole sia con le persone che con altri cani di diverse razze e taglie, e docile con i bambini.

Ho notato anche che oltre ad andar d’accordo con cani di razze diverse, i Lurcher hanno anche un’affinità particolare con gli altri cani di razza levriera, che siano altri Lurcher o levrieri purosangue – infatti se ne vede uno anche da lontano il mio Hamlet ne riconosce subito la tipica sagoma snella e si ferma di botto ad osservarlo, e poi fa di tutto per raggiungerlo e giocare – come pure l’altro! Se poi stiamo in macchina e passiamo un gruppetto dei suoi amici levrieri o Lurcher, li chiama ad alta voce!

All’interno della famiglia aggiungerei che sono anche dei gran giocherelloni, con una grande empatia per i bambini con i quali sono molto tolleranti. In ogni Lurcher poi spiccheranno le caratteristiche dominanti delle razze particolari del proprio incrocio – Hamlet, per esempio, essendo un incrocio Saluki-Greyhound, combina la tranquillità (per non dire pigrizia!) tipica del levriero amante delle comodità con la giocosità scattante e l’ostinatezza del Saluki.

Quindi, per capire alla meglio il proprio Lurcher, potrebbe essere sia interessante che utile fare un po’ di ricerca, dove possibile, sulle caratteristiche degli incroci particolari del proprio cane. Peraltro, pur essendo tranquilli, sono anche cani attivi – Hamlet è contentissimo di dormire anche tutto il giorno, a condizione che abbia almeno 40 minuti di gioco e corsa libera all’aria aperta due volte al giorno, e passeggiate più lunghe al fine settimana.

In sintesi, il Lurcher è un cane mansueto e docile, con un’intelligenza vivace e un’elevata adattabilità. Ama muoversi ed essere impegnato in attività cinetiche, è simpatico e giocoso, molto fedele al partner umano che elegge a sua guida.  Sono cani, forti e con una buona resistenza, che amano correre ed esplorare in libertà ampi spazi. Questi cani sono allevati per cacciare i conigli e le lepri, dunque il loro istinto di caccia è molto forte e i loro movimenti sono agili, rapidi e scattanti, propri del sighthound. Nonostante ciò il Lurcher risulta essere un cane docile, che apprende facilmente ed è facilmente addestrabile. È solitamente delicato e gentile con le persone, adatto dunque alla vita in famiglia. Il livello dell’attività dipende anche dall’incrocio, con i Longdogs in genere più pigri e amanti delle comodità (come i levrieri purosangue del resto!) degli incroci con altre razze più energetiche e resistenti al freddo come il Collie o il Bedlington Terrier.

Una buona definizione, che mi pare riflettere alla meglio sia le qualità caratteriali del Lurcher che il metodo migliore per stabilire un buon rapporto con loro, l’ho trovata sul sito del Battersea Dogs and Cats Home: http://www.battersea.org.uk/dogs/breeds/lurcher.html

Essendo cani naturalmente sensibili, i Lurcher godono di solito di un legame molto forte con il proprietario, rapporto che può essere danneggiato da un trattamento duro o impaziente. Il modo più rapido per conquistare il loro affetto è attraverso l’attenzione individuale ed il cibo. Il metodo di addestramento più efficace è dolce e consistente, attraverso la persuasione e non la forza. Hanno un desiderio naturale di approvazione e adorano ricevere l’affetto delle persone, per cui lodarli con entusiasmo quando sono bravi piuttosto che sgridarli quando sbagliano garantirà i migliori risultati.

© Isobel Deeley Riproduzione riservata

Tags: , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×