fbpx

Il mio Foster: Guapo.

“”Le persone dolci non sono ingenue. Né stupide. Né tantomeno indifese. Anzi, sono così forti da potersi permettere di non indossare alcuna maschera. Libere di essere vulnerabili, di provare emozioni, di correre il rischio di essere felici.”
Marilyn Monroe

Guapo è così.  Dolce, coraggioso e felice.

Gau mi chiede la disponibilità a fare da famiglia foster.
Felicità e gioia. Paura e timore.
Non sono stata sempre “felice” di essermi proposta. Sono piuttosto ansiosa e spesso più negativa che positiva. Non amo gli imprevisti. Non sono maniacale, ma forse un po’ fuori norma sì, fortunatamente me ne rendo conto e mi limito.
E poi c’è Matteo. L’altra metà della mela. La parte “forte e sicura”.

Accettiamo di accogliere Guapo. Un cucciolotto di un anno con due zampe da paura. Un cucciolo. E come un cucciolo si comporta.
Fa danni.
In assoluto silenzio e quando meno te lo aspetti.
L’essere in stallo e in cerca di una famiglia gli sta stretta come posizione. Lui sa che una famiglia già lo cerca. Non sa chi e come, ma sa che là fuori c’è la sua famiglia. E quella pettorina con scritto “adottami” proprio non gli va giù.
Guapo è anarchico, Guapo la pettorina non la rompe, la distrugge. Guapo è un galgherpiller.

Egon sopporta. Egon, che sorpresa. Mai mi sarei aspettata che fosse così foster-friendly.
Egon sopporta, sopporta di trovare la sua cuccia occupata, sopporta di trovare il suo pouf occupato, e soprattutto sopporta il “fastidio” che solo un cucciolo può dare a un cane che “non ne ha voglia”. Ma quando escono in giardino… La magia… Egon gioca, poco ma gioca. Si sbulleggia, perché tra i due lui, nonostante -e forse grazie- alla differenza di età, è il più veloce.
Guapo lo guarda con una sorta di ammirazione.

Quando decidi di accogliere un cane in foster non puoi mai preventivare al 100% le emozioni. Anche perché ogni cane è un cane a sè. Diverso da tutti gli altri. Ma alcune cose le puoi prevedere. A volte ti senti un Dio per quel minimo progresso fatto. A volte un fallimento per quel progresso che speri, ma tarda ad arrivare. A volte stai “semplicemente” bene.

Guapo non ama stare a casa da solo, ma col tempo e la pazienza fa sempre meno danni. Pian piano sembra si stia abituando. C’è da lavorarci, ma se in così poco tempo ci sono stati dei progressi fa ben sperare.
Guapo è un coccolone, gli piace saltare sul letto e starti vicino-vicino. E poco importa se sul letto non ci può salire. Lui è anarchico e forte del suo muso dolce, degli occhi a cuoricino manga style, del suo pelo lucido e scuro, delle sue zampette piatte.
Lui ha i “piedi piatti”. Lui per noi è uno Sbirro.

Guapo è rimasto con noi per circa 3 settimane.
Tre settimane in cui ti ripeti che non è per te. In cui a tratti stai bene e a tratti male. Cerchi di godertelo il più possibile, di farlo abituare non alla “bella vita”, ma ad una vita normale, in famiglia, con qualcuno che si prende cura di te incondizionatamente.
Niente di eccezionale, o forse tutto di eccezionale.

Decidere di accogliere un cane in foster è un esperienza unica. Una sorte di traghetto tra una vita e l’altra. Sai che c’è una fine “al viaggio”. Lo sai dall’inizio. Ma per quanto ti prepari non sarai mai pronto abbastanza.

Guapo è saltato in macchina con la sua nuova famiglia in direzione Milano. Non si è guardato indietro. Lui, proiettato già al futuro con quell’ottimismo che non tutti hanno, che a te lascia gli occhi un po’ gonfi e le parole bloccate tra la gola e la mente. Ma soprattutto ti lascia il sorriso. E ogni volta che vedi una sua nuova foto è dopamina. Sempre.
Guapo. One love.

Alice, Matteo, Egon, Cora, Ade e Smoke.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×