Quando arrivano i greyhound

Io non amo le adozioni a tutti i costi, come ho già detto se vivessi in un paese in cui ci sono le corse mi occuperei non di adozioni, ma di organizzare azioni per far chiudere i cinodromi.

Però quando arrivano i greyhound e i lurcher dall’Irlanda, quando li vedo scendere dal furgone, io provo una grande emozione.

Nei loro occhi vedo la sofferenza che hanno spesso patito, ma anche la speranza, vedo la fierezza che alcuni uomini assetati di denaro non sono riusciti a spegnere.

Vedo l’ingiustizia che viene consumata nei loro confronti ma anche la loro capacità di rinascita.

Vedo anche gli amici irlandesi di Limerick Animal Welfare e di Erin Hounds che hanno salvato e accompagnato nel viaggio questi figli d’Irlanda, ed è sempre bellissimo condividere l’inizio delle loro nuove vite. Gli irlandesi non sono tutti uguali e non è il destino a condannare i greyhound: la colpa è di alcuni uomini. Ma altri stanno dall’altre parte, con la vita e non con il denaro. Incontrarli è stato un evento fortunato nella mia vita.

Si dice che il denaro ha le zampe della lepre e il cuore di coniglio, dunque si muove ovunque e non conta come venga prodotto. Questo è perfetto per le persone come i trainer, gli allevatori, i proprietari rappresentati dall’IGB: la loro missione è fare soldi senza alcuno scrupolo, ovviamente a spese dei cani. Per noi queste persone sono come il diavolo.

Beh, i greyhound corrono più veloci e hanno un grande cuore, e ci sono persone che si prendono cura di loro senza fare patti con il diavolo.

Al prossimo arrivo.

Massimo Greco

© Riproduzione riservata

11351186_10202847791675508_6780320576552385018_n

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,