fbpx

Mi presento: sono un galgo

Ciao! Mi hai guardato negli occhi? Sono un galgo, non ti puoi sbagliare. Con un solo sguardo, sono capace di conquistare per sempre il tuo cuore.

Laggiù dove sono nato, è difficile che gli umani mi guardino negli occhi. Per loro sono una macchina da caccia e basta. Quando ero cucciolo, mi hanno insegnato a non prendermi confidenze, ho imparato presto che non dovevo correre festoso incontro al galguero o aspettarmi una carezza. Dovevo allenarmi, essere bravo a cacciare e basta. E dire che sono un tenerone, passerei ore e ore a farmi fare le coccole sdraiato a pancia all’aria.

In Spagna niente di tutto questo è riservato a noi. E per chi non lo capisce, ci pensano a convincerlo il bastone o le pietre. Eh sì, gli umani ce l’hanno messa tutta per distruggere la mia fiducia. Poi ti racconto meglio la mia storia e a mia vita, e ne ho di cose da dirti!

Ma ora non mi dilungo, era solo per chiederti di scusarmi se all’inizio, a volte, non mi fido troppo. Vedrai che, se saprai aspettare i miei tempi, t’inonderò di tutto l’affetto, la tenerezza e la dedizione di cui sono capace. C’è chi dice che sono un’autentica“colla”. Non so bene che significa, ma oziare su un divano appiccicato al mio umano, è la gioia più bella del mondo.

Quando ero stato bravo, nel posto da dove vengo, il galguero mi ricompensava con un pugno di cibo. Ora mi sembra incredibile ma, a quei tempi, anche un tozzo pane secco mi sembrava una prelibatezza. Ho imparato a essere furbo e veloce, a divorare il mio e magari, lo ammetto, anche a sgraffignare quello degli altri. Pensavo: oggi mangio, domani chissà? Anche se adesso sono a casa, è difficile per me immaginare che tanto buon cibo sia disponibile per me ogni giorno. Molto meglio fare scorta di tutte le squisitezze che trovo, sulla tavola o nei sacchetti della spesa. E anche nel contenitore dei rifiuti, perché non sopporto gli sprechi di cibo. Tanto poi faccio un po’ gli occhi dolci e contriti a mamma e papà e tutto si sistema. E’ facile per me farmi perdonare, sono un attore nato. E ne approfitto appena posso.

Mi piace tanto la compagnia, non sono abituato a stare solo soletto. Non che i posti dove cresciamo siano belli, anzi. Per lo più sono recinti fangosi o polverosi, tuguri bui o addirittura buche sotto terra. Luoghi miseri, che vorrei dimenticare. Ma fin dalla nascita, sono sempre vissuto insieme ai miei compagni e fratelli. Mi pace dormire accanto a loro, a volte anche sopra di loro, lo ammetto. Il calore del loro corpo mi fa sentire sicuro e tranquillo. Sarò felicissimo se a casa ci saranno fratelli con cui giocare e dividere il divano. Se non ci saranno fratelli pelosi, ti prego solo di avere un briciolo di pazienza con me e di insegnarmi a restare da solo un po’ per volta, così da fami capire che non sarò abbandonato, adesso che ho trovato una famiglia.

Non ti dimenticare che, quando arrivo a casa, non ho visto ancora nulla del grande mondo. Qui ci sono tanti rumori assordanti e aggeggi strani che passano accanto a me sfrecciando. Ci sono scale da salire, temibili ascensori da prendere… All’inizio mi sembra tutto strano e, a volte, spaventoso. Devo imparare che in casa i miei bisogni non li posso fare e, se devo uscire, non so ancora come dirtelo. Ma mi fido te, so che me lo insegnerai con pazienza e dolcezza, senza arrabbiarti. Vedrai che imparerò presto e non ti deluderò.

Hai visto che fisico da atleta che ho? Sono leggero, longilineo, agilissimo, con muscoli forti e ben definiti. Se fossi un atleta umano, più che un velocista puro come un greyhound, sarei un campione del mezzo fondo veloce, uno che sa abbinare velocità e resistenza. Sono rapidissimo a cambiare direzione, so zig-zagare in strette serpentine senza perdere un secondo. Correre libero e giocare agli inseguimenti con i miei compagni mi piace tanto, ma non ho bisogno di affannarmi dietro a una lepre o uno zimbello per essere felice. Anzi, meglio evitare proprio di stimolare il mio istinto predatorio, che nella vita di tutti i giorni non mi aiuta per niente.

L’importante è che tu mi dia ogni tanto la possibilità di sfogarmi in un posto sicuro, recintato e lontano da ogni pericolo. Non vorrei che pensassi che abbia bisogno di far movimento più degli altri cani. Sono velocissimo quando voglio, ma mi basta anche fare belle passeggiate al guinzaglio con i miei genitori umani. Ti confesso che, per buona parte del giorno, adoro poltrire su un divano o un morbido cuccione. Potrai portarmi persino in ufficio, perché sono un tipo così pigro e tranquillo! Amo stare in beato riposo per ore e ore, ci si potrebbe persino dimenticare di me. Se poi fa troppo caldo, freddo o piove, chi me lo fa fare di lasciare le comodità domestiche? Devo proprio ammetterlo, più che un cane da caccia, io sono un cane da casa!

© Riproduzione riservata

 

Tags: ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×