Ciao sono ALMA – Una galga tanto FELICE ora.

 

“Ciao sono Alma, anzi forse è meglio dire che adesso sono Alma.

Soltanto adesso il mio nome ha il suono dolce dell’amore e della serenità e non più quello stridente del comando, della disumanità e della cattiveria. Non voglio raccontare la mia storia perchè è uguale a tanti altri miei fratelli, non voglio ricordare la paura, la solitudine e la tristezza del mio passato, desidero soltanto condividere con voi il mio presente.

Noi siamo creature sconosciute ai più, non conosciamo fin dalla nascita rispetto, affetto e attenzioni, riusciamo a sopportare l’odio degli altri, a tollerare situazioni di vita indicibili solo nella speranza che un giorno tutto possa cambiare. Si perchè noi la speranza non la perdiamo mai anche quando intorno si scatena l’inferno, anche quando la nostra esistenza sembra essere un baratro dal quale non poter risalire.

E per me davvero tutto è cambiato quando un’anima gentile mi ha strappato dal lager in cui mi avevano confinata e un’associazione dal cuore d’oro mi ha portata in Italia.
Ma chi potrà mai volere un cane con una zampa come la mia? Mi chiedevo.

Dopo vari peripezie il mio angelo è arrivato. La mia Mamy mi ha accolto a braccia aperte con tutto l’amore del mondo. E lei, pensate, non mi ha voluto per compassione o pietà ma perchè mi ha amato fin dal primo momento in cui ha incrociato i suoi occhi con i miei in una foto. Ci pensate? Mi ha voluto nonostante tutto. Perchè noi, credetemi, non abbiamo bisogno di pietà e di commiserazione. Noi abbiamo bisogno di amore, di attenzioni e soprattutto di rispetto.

La mia Mamy non ha dato importanza alla mia zampetta rotta ma solo all’intensità e alla forza del mio sguardo. Nei miei occhi ha saputo scorgere la tristezza ma anche la voglia di guardare oltre. E mi ha voluto e amato dal primo istante. La nostra è stata l’unione di due anime che si stavano cercando e che alla fine si sono ritrovate. E finalmente adesso sono felice.

Dopo i primi giorni in cui mi chiedevo se davvero quella fosse la mia destinazione finale, se fosse un sogno destinato a durare oppure a finire,  ho iniziato a capire che anche io grazie alla mia Mamy avrei avuto diritto a serenità e felicità. Quel cuscinone morbido, quella copertina calda, quel cappottino imbottito erano miei. Tutti miei. Quelle carezze, quei baci, quelle mille attenzioni erano tutte per me, finalmente. Per questo anche l’operazione, le cure, le limitazioni sono diventate più sopportabili.

E così quello che sembrava un sogno è diventato invece la mia realtà. Quello che avevo tante volte sperato nei giorni passati misti a disperazione e dolore era il mio presente. Adesso sono Alma: la mia anima ha scoperto l’amore e il rispetto che desideravo. Quel rispetto e quell’amore che tutti noi ci meritiamo. Non adottate per pietà ma per amore perchè anche tanti altri miei fratelli possano veder risorgere la propria anima”.


Scritto da Monica Campani, la mamma per sempre di Alma. 

 

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×