fbpx

Bowie đź’ťMi hai portato lontano, molto piu’ vicino a me stessa….

 

 

Caro Bowie,

racconto la nostra storia ora, a distanza di due anni dal tuo arrivo, ora che all’emozione e alla gioia si è unita anche la consapevolezza di un incontro che mi ha cambiato la vita.

La telefonata a Pet Levrieri per capire meglio come funzionavano le adozioni l’ho fatta all’improvviso, dopo tanti mesi di pensieri ed indecisioni, è semplicemente successo che quel numero l’ho composto senza pensare più a nulla di preciso se non a quello che desideravo.

Poi la visita di Annalisa, Simone e Bribon e, poco dopo, la proposta di quattro cani che avrebbero potuto fare al caso nostro.

Non so neanche come abbiamo deciso, ricordo solo di aver chiamato Annalisa per dire emozionata “Rubin” e di aver pianto a lungo dopo aver attaccato il telefono: per l’emozione del cambiamento che sarebbe arrivato, per la gioia della nostra famiglia che si sarebbe allargata, per il dolore di aver tradito le speranze degli altri cani scegliendone uno.

Rubin è diventato Bowie, nuova viva e nuovo nome per te che venivi descritto come un “vero lord”.

Ci sono delle foto bellissime del tuo arrivo, con quel tuo modo delicato di avvicinarti a noi, quella adorabile linguaccia fuori per l’agitazione di un futuro che non sapevi cosa ti avrebbe riservato.

Io ti amavo giĂ  da quella telefonata, eppure il tuo odore, il tuo pelo da orsetto spelacchiato, quegli occhioni spalancati hanno messo il sigillo alla nostra promessa di donarti amore, rispetto, felicitĂ  e libertĂ .

Sono passati due anni, non credo ti si possa definire un cane difficile: certo qualche paura e timore, un istinto predatorio da gestire ma non saprei dire quali sono stati i problemi con te. Tu sei un essere speciale, meraviglioso ed unico; mi hai messa alla prova ma in fondo mi hai dato immediatamente una possibilità e,ogni volta che ho sbagliato, me ne hai data comunque un’altra, mi studi sempre ma so che mi ami e che ormai ti fidi di me.

Sono io che non mi sono mai sentita all’altezza però, mi sentivo sempre inadatta alle tue aspettative. Ci continuo a lavorare a questo mio senso di inadeguatezza, qualche volta mi sento persino una mamma capace!

Tu mi stai portando lontano, molto più vicina a me stessa e ai miei obiettivi veri però, mi hai aiutata a fare pulizia, a concentrarmi sui miei bisogni e desideri che da due anni comprendono sempre anche te.

Mi piaccio di piĂą ora, conosco meglio delle parti di me e senza di te sarebbe stato tutto piĂą difficile.

Si adotta pensando di farlo per loro, invece poi sono loro che fanno molto piĂą per noi.

Elisa

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtĂ  dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×