fbpx

A Julian con amore !

 

 

 

 

 

Eravamo sul divano con i nostri 2 galgo Paladita e Zivago, tutti insieme a guardare la tv quando suona il telefono di Giovanni. Era Elena C. “Sandra ha dei problemi personali, potete continuare voi il foster di Julian?” Giovanni ha accettato e così domenica 17 settembre 2017 ci siamo incontrati con Sandra e suo marito, erano dispiaciuti di doverti salutare e a malincuore ti hanno affidato a noi.

Tu, Julian, un greyhound così grande, ma capace di farsi piccolo piccolo per non disturbare.

Il tuo essere timoroso richiedeva una famiglia particolare, il tempo passava e tu facevi sempre più parte della nostra famiglia.

In passeggiata, se ti si avvicinava qualcuno, ti allontanavi prendendo le distanze da quella persona nuova e anche da noi. Poi c’è stata QUELLA volta. Eravamo in passeggiata, un signore veniva verso di noi a passo spedito, stava semplicemente camminando, ma ti sei spaventato e ti sei nascosto dietro di me. Mi sono sentita il tuo “angolo di casa famigliare e sicuro”, la persona di cui ti fidavi ciecamente e a cui chiedevi di proteggerti e quello è stato l’attimo esatto in cui ho pensato di non riuscire a farti andare via da noi.

Da lì è passato un po’ di tempo, perchè avevamo già 2 galgo e Giovanni aveva timore di prendersi la responsabilità di un altro cane. Non averti più in casa voleva dire non essere una famiglia al completo, avremmo dovuto rinunciare alle tue feste e ai tuoi saluti del buongiorno la mattina, a quanto ci fai sorridere quando fai il matto sul divano e a pancia all’aria inizi a fare la bicicletta con le zampe o a quando sfreghi il muso contro lo stipite della porta per grattarti come un orsetto, significava non vedere più la tua sagoma che aspetta dietro alla porta del bagno insieme a tuo fratello Zivago e voleva dire rinunciare ad essere orgogliosi di te per i progressi che continui a fare.

Il 14 luglio 2017 Giovanni si è deciso e da quel momento sei diventato ufficialmente parte della famiglia. Tu avevi bisogno di noi e NOI avevamo bisogni di te.

Ora è bello vedere che non tutte le persone ti intimoriscono ed a qualcuno al di fuori della famiglia ti avvicini e se hanno qualcosa da mangiare, bhe….ti avvicini a tutti!

In passeggiata hai iniziato ad annusare, cosa che per molto tempo non hai fatto e le tue splendide orecchie ad ali di gabbiano ora le tieni in mille modi diversi, ora osi anche tu chiedere di allungarti qualcosa dal tavolo, ora chiedi anche tu le coccole ed i massaggi.

Questi e tanti altri piccoli e grandi progressi ci rendono felici perchè da questo capiamo che ti stai liberando dalla gabbia di paura in cui ti avevano rinchiuso.

Sei figlio di campioni, i tuoi genitori pare corressero veloci e il tuo trainer si aspettava grandi risultati da te, ma tu non sei stato all’altezza delle sue aspettative e per questo sei stato picchiato tante volte e le ferite che porti dentro sono ancora profonde. Il tuo sonno non è mai sereno, ti sentiamo piangere, abbaiare e sei agitato, corri nel sonno. Quando vediamo che l’incubo diventa troppo pauroso sussurriamo il tuo nome e ti accarezziamo ed allora ti calmi un po’.

Non so se e quando riusciremo a farti dormire sonni tranquilli, ma noi ti amiamo Julian e ora sei al sicuro, mai nessuno potrà più fare del male a te e ai tuoi fratelli.

Abbiamo ancora tanta strada da fare e la faremo col tuo passo, al tuo fianco.

A Julian con Amore, la tua famiglia per sempre.

Roberta e Giovanni

 

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×