fbpx

Albano Martins: The Macau (Yat Yuen) Canidrome Co. Ltd (MYC) is wholly responsible for the fate of the 600 plus greyhounds at the Canidrome.

Albano Martins spoke to the newspaper Ponto Final, the day after the shocking statement by Angela Leong, executive director of the Canidrome Co. Ltd (Yat Yuen), in which she declared that the organisation would ‘adequately take care’ of the around 600 greyhounds at the Canidrome.

This is another sinister move to hide the ruthless truth, i.e. a total lack of interest for the wellbeing of the greyhounds kept at the track, which is the worst in the world, as well as a callous attempt to continue to make money off the lives of the greyhounds’ right up to the end.

Albano Martins explained how the Macau (Yat Yuen) Canidrome Co. Ltd (MYC), the organisation that runs the Canidrome of which Angela Leong is CEO, is the direct owner of at least 348 greyhounds and also controls the remaining 252 plus greyhounds.

It is therefore wholly responsible for the fate of the 600 plus greyhounds still alive and detained within the Canidrome.

Albano Martins explained how the owners of the other 252 greyhounds are not really free to make decisions about their greyhounds. Even if they wanted to, they would never be allowed to take their dogs out of the Canidrome, because that is part of their agreement with its management. “We have already had owners who wanted to give us their dogs, but the Canidrome wouldn’t let them and so in the end they left the dogs to the Canidrome,” said Albano.

The Macau (Yat Yuen) Canidrome Co. Ltd (MYC) “…imports all the dogs and then sells them at auction to the gamblers. They start with a basic offer of 17 or 15 thousand patacas, and the sums paid for the dogs can even reach 80,000 patacas at a public auction. They are sold to the gamblers, but they remain at the Canidrome,” continues Albano Martins. “The gambler/owner pays for the food and all the other maintenance costs of the dogs, on the condition that when he no longer wants the dog because no longer profitable (due to being too slow or injured), he must give the dog to the Canidrome for free.”

Albano also reminded the newspaper that the Macau (Yat Yuen) Canidrome Co. Ltd had never answered his proposal to take over the care of the greyhounds and find homes for them.

He said he was deeply concerned about the fate of these 600 plus greyhounds and with good reason, as they are now seriously at risk of being sold on to countries where they will be exploited in illegal races:

They are already saying that they will send them to Australia or New Zealand, but it’s a lie. They might send one or two, as they already have plenty of greyhounds out there. The rest will be sold to countries like Vietnam, Pakistan and China where there are no animal welfare laws, where they will be exploited for illegal betting and will end up being killed or served up as food,” said Albano Martins.

Source: Albano Martins diz ser Angela Leong a proprietária de 348 galgos    

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×