fbpx

MANAGING YOUR DOG ON AND OFF LEAD

In the complex, urban and technological society we live in, the use of a lead as a guidance tool is a necessity not only for the protection of our dog and other living beings, but also because it is a legal requirement. It is therefore important for us, as owners, to be able to use the lead in such a way that our dog experiences it like a safety belt, like an instrument of collaboration between us and him, and not as an impediment, or a constriction, which could then be a source of misunderstanding and stress in the relationship between us. This course aims to offer participants the knowledge and tools for proper lead management, and to help both owner and dog experience on-lead activities in a spirit of collaboration and enjoyment for both. In this context we shall be looking at the importance of using a harness instead of a collar. Another important moment in the development of the relationship with our dogs is how we manage them when off-lead. It is of fundamental importance to offer our dog the opportunity to experience freedom in the right sort of environments because it allows him to develop his exploratory drive, learn to socialise in appropriate ways with other dogs, and improve his self-control and problem-solving abilities. Clearly, managing a dog off-lead requires a high level of maturity in the relationship between dog and owner. For this reason, it is not something that can be improvised. It’s not enough that the dog, once unleashed, stays near his owner, but requires the owner and dog to have reached a high level of understanding, and to have developed a whole series of preparatory abilities which would enable them to enjoy a walk in freedom where possible, without the risk of the dog endangering himself because his attention has been caught by a scent, something moving, or by someone or something attracting his attention (other dogs, humans, other animals). The course will show in very practical ways how freedom is built, which are the requirements needed by both the dog himself and the owner and dog together for freedom to be possible, and in which cases it is not possible. So what are you waiting for to get involved? By improving your ability to relate to your sighthound, you will increasingly enjoy your relationship with him. Programme: 1) What is freedom: risks and benefits 2) How to build freedom: centralising to decentralise 3) Unleashing: where, when, how 4) Profile and character of the dog 5) When freedom is not possible The workshop will take place Saturday 11th January from 9am to 5.00 pm at the following venue: GHEZZI AZIENDA AGRICOLA S.S., Via Adamello, 28 23807 MERATE (Lecco). The venue has a large fenced in area where one can work with the sighthounds on and off lead. The cost to join is €60 per person. Payment will be made on the day at the venue, with €50 covering the rental of the venue and the lecturer’s fee, and €10 going to Pet Levrieri. Please be aware there is a maximum number of 12 dog and owner pairs! To join: Please email [email protected] and put “Iscrizione al corso La gestione del cane al giunzaglio” in the subject field, and give your name, surname, mobile phone number, the name of the sighthound who will be taking part in the course (also include the type of sighthound, whether galgo, greyhound or lurcher, and the adoption date) (Dr. Katia Galbiati is a veterinary practitioner and canine behaviourist within the cognitive animal-human relationship based approach. She is also a lecturer, educator and SIUA dog trainer, and works with animal-human relationship based teaching methods. She is also involved with the basic medical care and wellbeing of the patients of the veterinary clinic she collaborates with. She lives in the county of Como with her dogs, cats, rabbits and guinea pigs. Two of her dogs are sighthounds.)

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×