fbpx

Greyhounds: some thoughts on evolution and predatory motivation

In her contribution to a workshop on greyhounds held in 2013, canine behaviourist Professor Galbiati shed some light on a fundamental but rather neglected aspect of greyhounds which deserves further thought: evolution and predatory motivation.

What follows are my own personal reflections on the subject, which I hope may prove useful in that sense.

According to a cognitive human-animal based viewpoint, every breed of dog has a motivational profile which is made up of a mixture of motivations or drives. For example, retrievers have a highly collaborative drive but a lower territorial one, whereas greyhounds have a highly predatory and competitive drive but a lower collaborative one.

Of course that doesn’t mean that greyhounds can’t collaborate, but simply that this particular drive is less prominent and so tends to emerge less. Specifically in relation to greyhounds, the predatory drive – which they share with many other breeds of dog – is aligned to physical qualities which make them excellent runners with extraordinary eyesight (translator’s note: well expressed in the English name ‘sighthounds’).

In addition, breed characteristics are not expressed automatically in the same way in every individual, as the experience of each individual dog has an essential role to play. And this is where an often underestimated aspect comes into play, when we speak of the breed characteristics of dogs, and that is that their history cannot be seen outside of the context of their relationship with man. For dogs are not wolves, and they have been living in close contact with man for thousands of years. And through selective breeding and training, man has manipulated and directed the motivational drives and physical characteristics of dogs.

A good example of this can be seen with shepherding breeds such as Border Collies. These are dogs with an extremely high predatory drive, which man has used for his own purposes: these dogs are in fact selected and trained to use only the first part of the predatory process i.e. sighting, pointing and pursuing, in order to lead the herd.

The same goes for greyhounds: in anglosaxon countries for instance, litters are planned in order to maximise the chances of producing a racing champion. Looking at things from a wider historical perspective, the question we should ask ourselves is this: given their basic motivational and physical characteristics, in what way have they been manipulated by man? Historically, greyhounds were used for hunting, and from a specific point in time onwards for racing, for the purpose of betting and entertainment. But it’s worth pointing out here that human entertainment is one thing, a dog’s entertainment quite another.

Every animal experiences pleasure in doing the things he does best, and therefore every greyhound – to a greater or lesser degree – enjoys running. Just like some of us may enjoy collecting things rather than riding a bicycle. But running isn’t the same thing as chasing a prey or racing after a lure or a live hare. So in this case man is directing a greyhound’s natural pleasure in running for aims and motivations which are his own, not the dog’s.

Going back to my initial point, it’s obvious that dogs used for racing and coursing are trained for this purpose, in other words they are dogs that are ‘built up’ on a motivational level, reinforcing their basic predatory and competitive motivations in a way that is unnatural and unbalanced. Even their kinaesthetic motivation – i.e. the pleasure they get from running – is aimed by man in just one direction: to run to hunt or to chase after a lure, and that’s it. So a greyhound selected for those kinds of activities is the way he is because man has made him that way: other natural drives, like the collaborative drive, are underdeveloped.

However greyhounds make excellent pets, affectionate and attached to those who care for them with love and respect. They are also intelligent and ready to learn, if we work with them in that way. But it is important to work with them without reinforcing what has already been reinforced beyond all limits by racing trainers. This means effectively developing those motivations which are in contrapposition to those that are emphasized in racing and coursing.

So – just to give an example which is far from exhaustive – we should work on developing a greyhound’s collaborative rather than competitive drive, his epimeletic (i.e. altruistic – whereby an animal cares for another who is ill or needs care) rather than his predatory drive, the pleasure of running for fun rather than for the aim of reaching and killing a prey.

We should also remember the notion – originating from one Charles Darwin – that what is useful in one context can be harmful in another. Now all dogs, whether they are sighthounds or not, who live in highly urbanised human environments cannot benefit in any way from having their predatory drive reinforced: quite the opposite. To chase a cat in a town puts the life of any dog at risk, so it’s not a trait that we should be encouraging as it will not help him to adapt to life in an urban context, on the contrary.

By Massimo Greco Translated by Isobel Deeley

Tags:

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta e di formatrice. E’ laureata in filosofia e in psicologia. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.

Insieme condividono la loro vita con un gruppo di levrieri rescue e una segugia. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita.

×
Vice presidente di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. 
Per passione personale nel 2020 ha conseguito il titolo di educatore cinofilo presso la scuola cinofila Il Mio Cane.
Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective.
Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese, e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina il gruppo di ricerca dei levrieri smarriti, è membro del Gruppo Adozioni e partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. 
Vive tra Milano e la Valsassina con il marito Massimiliano, ha due figli ormai adulti, Giorgia e Marco, e tre lurcher irlandesi: Robin, Coco e Lucy – e Sandy sempre nel cuore.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.
×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×
Socio fondatore di Pet levrieri, si è occupato in associazione, a titolo puramente gratuito, di trasporti, rapporti con le autorità veterinarie e della comunicazione esterna, curando numerosi articoli sulla situazione dei greyhound e dei galgo nel mondo. Ha partecipato a numerose manifestazioni antiracing in Irlanda e Gran Bretagna. Dal 2022 fa parte del Board di GREY2K USA Worldwide, la più importante organizzazione antiracing mondiale. 
Laureato in filosofia e in Psicologia della comunicazione, insegna filosofia e storia nella scuola superiore di secondo grado; per crescita personale si è formato e diplomato come educatore cinofilo presso la scuola SIUA. 
Appassionato di musica, in particolare rock e irlandese, dal 2008 condivide le sue giornate, insieme alla moglie Stefania Traini, con levrieri rescue e un “pizzico” di segugi. Perché nella varietà si fanno più esperienze.
×
Membro del consiglio direttivo di Pet Levrieri.
Dopo il liceo linguistico inizia a lavorare in banca ma dopo la nascita della terza figlia decide di volersi dedicare esclusivamente alla sua numerosa famiglia.
Il suo primo cane è stato Otello, un mix labrador-alano, poi è arrivata Gina, un bovaro svizzero.
Viene a conoscenza dello sfruttamento dei levrieri per caso attraverso un articolo trovato in rete e nel novembre 2015 partecipa ad un arrivo di Galgo di Pet Levrieri. Christa, una galga ancora senza famiglia, si butta tra le sue braccia per farsi coccolare. Dieci giorni dopo andrà a prenderla presso la famiglia foster e la porterà a casa. Da questo incontro speciale nasce il suo impegno concreto all’interno dell’Associazione.
Fa parte del gruppo adozioni e si occupa prevalentemente delle richieste estere (Svizzera, Austria, Germania).
A settembre 2018 si reca, insieme a Stefania Traini, a Macau per fotografare e stilare i profili dei cani che verranno in Italia. Qui, incrocia lo sguardo di Tamoko, che decide di adottare appena sarà pronto per il volo che lo porterà a Milano.
Vive a Lugano, Svizzera, con il marito Andrea e i figli Giulia, Alyssa, Cecilia e Tommaso. Membri della numerosa famiglia, oltre a Tamoko, sono anche Harry e Bob, lurcher irlandesi e Paco un meticcio salvato dalle strade di Napoli.
Ama trascorrere le giornate tra montagne e boschi oppure con un bel libro in mano.
Svolge i suoi incarichi in Pet Levrieri in maniera totalmente gratuita.
×