fbpx

PERCHE’ I CANI MANGIANO L’ERBA? di E. GARELLA

(Riportiamo integralmente l’articolo di Elena Garella)
Quante volte ci siamo domandati  perché i nostri amici a quattro zampe mangiano erba? Questo alimento può essere dannoso alla loro salute? Per fortuna non dobbiamo preoccuparci, la maggior parte dei nutrizionisti e dei veterinari non ritiene che sia veramente pericoloso, a parte in caso di patologie che colpiscono l’intestino. In altre occasioni abbiamo parlato del cane come un animale che si muove tra le due categorie carnivoro e onnivoro in base alla convenienza o alla dieta che gli viene offerta. Per circa diecimila anni i cani hanno mangiato in modo opportunistico, vale a dire qualsiasi cosa o alimento trovassero e che potesse placare la fame e soddisfare i bisogni alimentari e nutrizionali.
I cani moderni Il cane moderno, in seguito all’evoluzione e all’addomesticamento, non è più un carnivoro che divora la preda cacciata per intero, compresi gli organi interni e, quindi,  anche il contenuto dello stomaco degli erbivori. Per questa ragione, se nella dieta non riceve abbastanza vegetali, il nostro amico a quattro zampe cerca l’erba, come vegetale più facilmente reperibile. Ma molti cani adorano la frutta, specie mele, pere e mirtilli, anche raccolti direttamente nel vostro giardino.  E molti altri mostrano di, letteralmente, adorare verdure cotte come la zucca, i piselli, le carote, il sedano, ecc. Possiamo dire, quindi, che i nostri amici a quattro zampe cercano nei vegetali quei nutrienti (vitamine, minerali) che altrimenti mancherebbero, ma questo non spiega ancora perché mangino l’erba.
Dunque, perché mangiano l’erba? Un cane che abbia gas nell’intestino o lo stomaco dolorante, cerca erba da mangiare perché, una volta ingerita, i fili, simili a lame, solleticano le pareti di gola e stomaco, inducendo il vomito. Normalmente i cani non pascolano l’erba, ma possono strapparne diversi morsi, masticarli brevemente e ingoiarli o non masticarli e ingerirli tal quali.  Forse l’erba risulta gustosa per i nostri amici a quattro zampe o semplicemente potrebbero avere bisogno di zavorrare la loro dieta. Qualunque sia la ragione, non è pericoloso che i cani mangino l’erba, ma se il vostro lo fa frequentemente perché non aggiungere qualche vegetale e/o frutto al suo pasto? L’ideale è cuocere le verdure al vapore o in una padella antiaderente con poca acqua e poi frullarle per ridurle in purea, mentre la frutta può essere lasciata cruda, ma tagliata in pezzi. Oppure potete offrire una mela o una pera intere, private del torsolo (i semini neri sono velenosi), per farli anche divertire. Infine, se la quantità di erba ingerita dal vostro cane aumenta improvvisamente, così come la frequenza di questo comportamento, potrebbe essere un segno di una malattia più seria di un disturbo gastro-intestinale, in questo caso vi consiglio una visita dal medico veterinario di vostra fiducia.
  Link: https://www.fidoatavola.it/fido-1-minuto/perch%C3%A8-i-cani-mangiano-lerba Fonte: Fido a Tavola © Riproduzione Riservata

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×