fbpx

IL MIELE? UN PORTENTO PER I NOSTRI CANI – di E. GARELLA

(Riportiamo integralmente l’articolo di Elena Garella)   Il miele è un super alimento, ricco di vitamine, minerali e antiossidanti. L’uomo lo utilizza da migliaia di anni per il suo gusto dolce e perché aiuta la ripresa dell’organismo, soprattutto in caso di raffreddore, tosse, febbre. Lo sapevate che potete offrirlo anche ai vostri cani? Ha molte proprietà benefiche e come unica controindicazione di non somministrarlo ai cani malati di diabete.
Quale miele comprare? Vi suggerisco di comprare il miele grezzo perché, non essendo trattato industrialmente, contiene intatte molte vitamine (le vitamine liposolubili A, D, E, K e il complesso delle vitamine B), alcuni dei minerali più importanti (calcio, fosforo, magnesio, zolfo, potassio, manganese, rame e iodio). Invece, la lavorazione industriale del miele, che utilizza temperature alte, distrugge gran parte delle vitamine e degli antiossidanti. Particolarmente interessante è il livello di vitamina C che può essere contenuto nel miele grezzo, da 300 milligrammi sino a 100 grammi. Infine non preoccupatevi se mieli artiginanali comprati in regioni differenti hanno colori diversi, il colore naturale del miele, che varia da dorato chiaro ad ambra dorata, dipende dai tipi di fiori utilizzati dalle api per produrlo. Dove potete comprarlo? Dai produttori di miele, gli apicoltori, di dimensioni medie o piccole che lo vendono localmente, nei mercati agricoli o in azienda.
insegna vendita miele
Possono esserci controindicazioni? Perché i nostri amici a quattro zampe abbiano un concreto beneficio dal miele non è necessario offrirne grandi quantità: 1 cucchiaino da the al giorno per un cane di taglia grande è già sufficiente per mantenere il suo stato di salute. I cani lo apprezzano molto, potete offrirlo con un cucchiaio di plastica che leccheranno o miscelarlo con uno o due cucchiai di yogurt per una merenda salutare, oppure miscelarlo con gli altri ingredienti del pasto. Potete anche unire il miele con delle erbe per renderlo ancora più salutare (a fine articolo trovate una ricetta per il miele alla melissa). Prima di suggerirvi alcuni usi specifici del miele, vorrei sottolinearvi di evitare di offrire miele al vostro cane se è diabetico o malato, consultatevi prima con il medico veterinario di vostra fiducia. Ricordate che il miele è uno zucchero semplice, contiene 64 calorie in un cucchiaio da minestra, sembrano poche, ma in realtà la possibilità di far ingrassare il vostro amico a quattro zampe dipende dal suo peso normale e soprattutto da  quanta attività fa in una giornata.  Un aumento del peso si raggiunge facilmente se, somministrando il miele una o due volte a settimana, non eliminiamo qualcosa di altro. Potete scegliere di diminuire il numero di spuntini e/o premi giornalieri, potete eliminarli del tutto o potete dimiunuire la quantità di cibo che somministrate ai pasti. Infine, non offrite il miele grezzo ai cuccioli, potrebbero essere presenti alcuni microrganismi che, non pericolosi per il sistema digerente di un cane adulto, potrebbero invece far ammalare il vostro cucciolo.
Quale uso fare del miele? Oltre a somministralo una o due volte a settimana, per mantenere in salute il nostro amico a quattro zampe, possiamo utilizzarlo nei seguenti casi particolari:
  1. in caso di allergie: i cani possono soffrire di allergie ambientali, proprio come noi, soprattutto in primavera e autunno. In caso di sintomi come grattarsi frequentemente, leccarsi le zampe, strofinare il muso, si potrebbe trattare di allergie ambientali, soprattutto se il medico veterinario ha escluso un’allergia alimentare.  In questo caso, cercate un produttore della vostra zona o di quella più vicina possibile per comprare del miele grezzo, infatti, le api avranno raccolto il polline dei fiori di campo o delle piante presenti in questa area. Somministrate 1 cucchiaio da minestra di miele  1 o 2 volte al giorno a cani di taglia grande, 2 cucchiaini da the per i cani di taglia media e 1 cucchiaino da the per i cani di taglia piccola,  giornalmente, sino alla scomparsa dei sintomi o quando appaiono. Eliminate ogni extra pasto in questo periodo e osservate attentamente il vostro amico a quattro zampe, se vi sembra ingrassi, diminuite anche la quantità di alimento ai pasti. Se i sintomi non scompaiono in due-tre giorni consultate il medico veterinario di vostra fiducia.
  2. In caso di disagi gastro-intestinali: in caso di attacchi lievi di feci molli o stomaco in disordine o se il vostro amico a quattro zampe vuole mangiare dell’erba, due dosi di miele possono aiutare a calmare e dare sollievo all’apparato gastro-intestinale.  Negli USA, alcuni medici veterinari suggeriscono di utilizzare il miele per controllare le ulcere più piccole, poiché il miele ha proprietà naturali antibatteriche che possono aiutare nel distruggere i batteri che causano le ulcere. Naturalmente coinvolgete sempre il medico veterinario, dovete essere sicuri di ciò che fate!
  3. Come fonte di energia, ottima per i cani in età avanzata: il miele è uno zucchero semplice e gli zuccheri danno una sferzata di energia all’organismo. Molti proprietari di cani atleti utilizzano il miele per promuovere l’energia  necessaria ad aumentare la resistenza alla fatica e la vitalità. Scegliete il miele grezzo di produzione locale, anche in questo caso, e offrite 1 cucchiaio da minestra al giorno per i cani di taglia grande, 2 cucchiaini da the per i cani di taglia media e 1 cucchiaino da the per i cani di taglia piccola.
  4. Un miele australiano con proprietà speciali: il  miele Manuka o del tea tree, pianta famosa per il suo olio, ha proprietà antibatteriche, provate scientificamente. Questo miele, ma anche il miele alla melissa, può essere applicato come primo rivestimento sulle ferite, creando una barriera protettiva per la cute, assorbendo l’umidità in eccesso della ferita e rendo più rapida la guarigione. Il miele non si attacca a cerotti o bende, di conseguenza rende più semplice  cambiare fasciature e cerotti. Il miele alla melissa può essere efficace applicato su tagli, bruciature, granulomi causato dal leccare una escoriazione, abrasioni, ecc.
Miele Manuka o del tea tree
Ricetta per miele alla melissa Tagliate grossolanamente le foglie di melissa sino a riempire un vasetto di vetro (da conserva). Riempite quindi il vasetto con miele grezzo naturale, sino a coprire completamente la melissa. Ricordate che maggiore sarà la quantità di foglie di melissa che inserirete nel vaso, maggiori saranno i benefici che il vostro amico a quattro zampe avrà dal miele alla melissa. Chiudete bene  il barattolo con miele e melissa e ponetelo in un luogo caldo, per esempio una finestra in pieno sole, per almeno 2 settimane. Un’altra possibilità è riscaldare il miele in una pentola e poi versarlo sulla melissa nel vaso di vetro. Attenzione a non scaldarlo troppo o farlo bollire. In entrambi i casi il calore libererà gli oli essenziali presenti nelle foglie di melissa. Prima di utilizzare il miele alla melissa dovete filtrarlo, potete usare un colino da te. Oltre all’uso indicato al punto 4, potete anche aggiungerlo ai pasti quando il vostro cane abbia una forte produzione di gas.
Link :https://www.fidoatavola.it/il-consiglio-della-settimana/il-miele-un-portento-i-nostri-cani Fonte: Fido a Tavola
© Riproduzione Riservata

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×