fbpx

VITA DA LURCHER

Durante la settimana trascorsa in Irlanda, abbiamo avuto modo di parlare a lungo con Anna, una delle volontarie di LAW, che fa un lavoro “di strada”, ovvero mappa, osserva e cura i lurcher che si trovano nei siti dei Traveller, cercando di accreditarsi presso di loro, come ai tempi fece la fondatrice di LAW, a cui ancora oggi i Traveller portano un enorme rispetto.

Così quando Anna ci invita ad andare con lei in alcuni dei luoghi da cui provengono molti dei nostri lurcher adottati in Italia, accettiamo con entusiasmo.

Decidiamo che è opportuno che vada chi tra noi meglio maneggia lingua e immagini, e così Giulia ed io ci ritroviamo sedute sul furgone di Anna: Giulia sul sedile accanto al guidatore e io nel retro, con una pila di cucce umidicce come sedile e svariati sacchi di crocchette come schienale.

Anna ci raccomanda di non portare nulla con noi e di fatto abbiamo in tasca solo il cellulare che non sappiamo se potremo usare per fare foto.

Lungo la strada verso Limerick City Anna ci spiega il lavoro che sta cercando di fare con le famiglie di Traveller che stiamo per incontrare. 

Si reca da loro regolarmente, porta loro sacchi di crocchette e pacchi di cibo in scatola, spiega loro come nutrire al meglio i cani e i cuccioli, li aiuta con i cavalli. Cerca di accreditarsi presso di loro come persona affidabile, vincendo la loro diffidenza e mappando la presenza di cani e cavalli. Allo stesso tempo si fa conoscere dai cani. 

Ci raccomanda di parlare poco: ci presenterà come due italiane appassionate di lurcher.

Quando arriviamo nel primo sito, è come entrare in un’area dove un luna park ambulante sta sbaraccando, lasciando dietro di sè resti non più utilizzabili. 

Baracche prefabbricate ci dicono che lì vive gente, tanta gente.

Posteggiamo e Anna si annuncia a gran voce: siamo subito circondate da numerosi cagnolini mix terrier, chihuahua, yorky.

Un paio di lurcher mix bull che scopriremo avere 7/8 mesi.

Una giovane lurcher nera. Due lupoidi alla catena.

Anna prende una scatola di biscotti e inizia a elargirli a piene mani, li lascia cadere dietro di sè intanto che si sposta, seguita da tutti i cani. Scarica sacchi di crocchette e cibo in scatola.

Ci vengono incontro due ragazzi sui vent’anni, praticamente identici, incluso l’abbigliamento: tuta da ginnastica grigia e stivali di gomma neri. Sono mono-espressivi: salutano Anna, ci osservano di sottecchi. Veniamo presentate come due italiane che hanno lurcher e a cui piacciono i lurcher. Assorbono la notizia impassibili. Ci salutano, educati e cauti.

Anna chiede dei cuccioli e ci accompagnano ad una cassa parto di legno posizionata sotto una tettoia e circondata da rifiuti di ogni genere.

Nella cassa c’è la mamma con i suoi 7 cuccioli di appena una settimana. Giacciono sul legno, i cuccioli attaccati alla madre, e come cibo pane e scarti di macelleria. Putridi. Così come l’odore che esalano.

Noi esprimiamo ammirazione per i cuccioli e veniamo autorizzate a fotografarli.

Anna si arrabbia. Dice che non va bene tenere madre e cuccioli in quel modo. Che il cibo non è adeguato ad una femmina che allatta. Ci lascia coi ragazzi e va a prendere il cibo dall’auto.

Io mi chino per buttare una manciata di biscotti alla mamma e vengo subito redarguita di non avvicinarmi ai cuccioli in quanto la madre potrebbe mordere.

Mentre aspettiamo Anna, il ragazzo mi chiede dei miei cani. Quanti lurcher e quale mix. Gli racconto di Robin e Coco. Mi dice che ha 24 cani di razze diverse e 34 cavalli nel field. È come parlare con una maschera.

Quando Anna torna, si unisce a noi il padre dei ragazzi, in totale 15 figli. È un signore dai modi pacati. Ma tutti hanno occhi inquisitori. Non sorridono mai.

Il ragazzo dice ad Anna di prendere i cuccioli maschi. Anna risponde che li prenderà quando avranno almeno 4 settimane: è impensabile staccare un cucciolo dalla madre prima.

Anna prende il comando delle operazioni: fa uscire la mamma – una bellissima lurcher mix Saluki a pelo lungo molto magra; pulisce la cassa parto; butta pane e avanzi di carne su cui si avventano gli altri cani.

Posiziona un cuscinone pulito, si fa portare un contenitore che riempie di crocchette a cui aggiunge una scatola di sardine sott’olio: “only 50 cent. They are perfect for the hair”.

Con le sue mani mescola il tutto, esce dalla cassa e la madre subito si riunisce ai cuccioli mettendosi a mangiare con appetito.

Poi Anna chiede che venga messa una ciotola di acqua nella cassa perché per allattare occorre bere molto.

Il ragazzo indica dell’acqua putrida poco distante e Anna gli dice che no, quella non va bene. Deve essere pulita.

Noi intanto fotografiamo tutto.

 Sistemati madre e cuccioli, Anna chiede di alcuni lurcher che non vede in giro. Non ci sono più. Anna si arrabbia, dice che erano d’accordo che li avrebbe presi lei.

Mentre discute col padre e altri due figli che nel frattempo ci hanno raggiunti, il solito ragazzo mi chiede ancora dei miei lurcher. Come sono fatti. Gli racconto di Coco. Si incuriosisce e mi chiede se può vederla. Così gli mostro una foto: Coco in tutta la fierezza delle sue orecchie. E lì il giovanotto mi esce con una specie di sorriso quasi fanciullesco esclamando: what straight ears!

Un secondo dopo lo sguardo torna inquisitore e il volto immobile.

Il figlio più grande, un uomo di trent’anni, torna con un cagnolino, chihuahua mix. Lo mette in mano a Anna, le dice di tenerlo. Forse un ringraziamento per il cibo che ha portato. Forse a compensare il fatto che i lurcher che le avevano promesso non ci sono più.

E a proposito di lurcher spariti, le chiedono se ha sentito di un lurcher maschio tigrato che da due giorni non trovano più. Anna si arrabbia: quante volte gli ha detto di tenere al sicuro i cani? Che possono finire sotto le macchine?

Ed è giunto il momento dei saluti. Mentre ci scortano al furgone, il ragazzo mi chiede cosa ne faccio dei miei lurcher: do you resell them? Per tutto il tempo ha pensato che rivendessimo i cani in Italia.

Anna promette loro di tornare la settimana successiva per vedere i cuccioli. Si raccomanda di fare come ha detto e ce ne andiamo.

In meno di 5 minuti raggiungiamo il secondo insediamento. È diverso dal precedente. Qui le case sono in muratura, sembra quasi di entrare in un complesso residenziale, se non che all’ingresso, sul lato della strada, giàcciono due cani, apparentemente morti, e si vedono alcune casette di legno che intuiamo essere cucce.

Lurcher passeggiano dentro e fuori dai cortili delle abitazioni.

Posteggiamo davanti ad una di esse dove un uomo e diversi ragazzi tra i 18 e i 4 anni sembrano attenderci. I ragazzi si assomigliano tutti: stessa faccia, stesso taglio di capelli, stesso sguardo, tra l’incuriosito e l’indagatore. I più piccoli sono gemelli, vestiti uguali: maglietta gialla e pantaloncini corti. Si tengono a distanza ma seguono tutti i nostri spostamenti.

Anna ci presenta sempre come due italiane appassionate di lurcher. Il padre dice qualcosa molto velocemente e incomprensibilmente. Anna gli chiede di parlare lentamente perché altrimenti noi non riusciamo a capire: no problem, I’ll talk slowly.

Anna chiede dei cuccioli. Ha una cucciolata di mix Saluki.
Ci accompagna in un kennel a cielo aperto, tranne che per una casetta in muratura dove i cani possono ripararsi.

Il kennel è sporco di escrementi un po’ ovunque. Anna dice che non va bene, che va tenuto pulito. Allora il padre manda perentoriamente il figlio più grande a prendere una pala per pulire. Il ragazzo arriva con la pala, più per scena che per altro: nessuna pulizia viene fatta. Almeno per tutto il tempo che restiamo lì.

Anna chiede se possiamo fare foto ai cuccioli ed essi acconsentono.

Nel kennel c’è una lurcher a pelo ruvido bianca e nera, e i suoi 7 cuccioli, bellissimi. 

 

Mi chino per fotografarli e il padre si china insieme a me davanti alla casetta.

Ne afferra uno, nero, facendolo guaire e mi sollecita a toccarlo per verificare quanto sia morbido il pelo, fluffy.Da lì, ci portano ad un altro kennel, dove ci mostrano due cuccioli di spaniel, uno cioccolato e uno nero. I kennel sono tanti, tutti chiusi, bui.

A questo punto il padre mi chiede quando torniamo in Italia. “Tomorrow”. Me lo fa ripetere 3 volte. Alla fine sembra soddisfatto della risposta.

Ci spostiamo nel cortile posteriore. Anche qui kennel chiusi. Lurcher che si aggirano circospetti.

Il padre dice a Anna che della cucciolata di 16 lurcher ne sono rimasti solo 6.

Quando apre la porta del kennel il motivo della mortalità appare evidente: il luogo è sporco, anche qui il cibo è costituito da scarti di macelleria. La mamma esce dal kennel, una lurcher nera a pelo lungo. I cuccioli hanno 7 settimane. Sono un po’ magrolini. Si affacciano con cautela alla porta.

Anna si agita, dice che così non va bene, che il cibo non va bene, che per forza muoiono. Vede un cucciolo in fondo al kennel che non si muove. Lo osserva e sentenzia che va portato subito dal veterinario perché altrimenti morirà. Il padre e il figlio maggiore fanno cenno di no con la testa: nessun veterinario.

Anna lo ripete: se non viene portato dal veterinario, il cucciolo non arriverà all’indomani. Padre e figlio fanno di nuovo cenno di no, nessun veterinario.

E qui sorprendentemente accade che il figlio forse tredicenne prende il cucciolo e lo metta in braccio ad Anna dicendole: Take him to the vet, the puppy is mine and it’s me who make the decision. Take him to the vet – portalo dal veterinario. Il cucciolo è mio e faccio quello che voglio.

Anna non se lo fa ripetere, prende il cucciolo, lo mette sul furgone e mi chiede di restare con lui, prima che ci ripensino.

Mi siedo sul sedile con in braccio questo scricciolo scosso da brividi continui.

Il ragazzino si avvicina al finestrino, non so con quali intenzioni, ma viene distratto da un bambino sdraiato sul muro di cinta della casa di fronte che gli chiede perché le ha dato il cucciolo.

E lui ripete di nuovo: perché è mio e faccio quello che voglio, e così dicendo raggiunge il padre e il fratello più grande che hanno portato Anna e Giulia a vedere il padre di queste cucciolate: un levriero Saluki puro, molto magro, tenuto alla catena e per nulla amichevole. Il cane alla loro vista salta, si agita.

Pensano sia divertente e lo aizzano per farlo saltare ancora. Il padre alza il braccio, un gesto rapido che fa sì che il cane chiuda gli occhi e abbassi istintivamente la testa. Un gesto che racconta altro.

Anche qui Anna scarica pacchi di crocchette e cibo in scatola. Spiega come utilizzarlo, si raccomanda di pulire, di buttare gli scarti di carne.

Partiamo verso il veterinario più vicino. Dall’insediamento ci seguono, ci scortano, verificano che di fatto stiamo portando il cucciolo dal veterinario.

Il cucciolo continua a tremare e a fare un verso simile a quello di un piccione. 

Dal veterinario ci stanno aspettando: lo prendono in carico, lo idrateranno e faranno tutti gli esami del caso.

Come si chiama? Anna ci guarda: come volete chiamarlo? Un nome italiano!

Noi ci guardiamo prese alla sprovvista e di getto esce “Ugo!”. What? Oh Hugo!

E Hugo sia.

Fuori dal vet le emozioni tracimano e anche Anna ha gli occhi pieni di lacrime: è dura sostenere la parte di chi rimane indifferente a tanta trascuratezza e incuria.

Un ultimo insediamento ci attende: in questo, i Traveller allevano esclusivamente cavalli. I cani sono pochi e diciamo che li tengono “per compagnia”.

In realtà non si tratta di un insediamento vero e proprio: i Traveller vivono in un contesto di tipiche villette a schiera, mescolati a gente comune.

Ci accolgono alcuni uomini e tre bambini. Anna appena scesa dal furgone chiama a gran voce un cane – Jojo. Ed ecco comparire una lurcher che l’accoglie festosa e affettuosa, le saltella intorno, la segue fino al furgono e vi sale, accomodandosi nel retro. Anna ci spiega che ha convinto i proprietari a sterilizzarla e si è occupata lei di tutto, e questo spiega l’affezione del cane.

Ci fermiamo poco: insieme ai bambini andiamo a vedere la cuccia che ha chiesto venisse costruita per Jojo, una struttura che la ripari dal freddo e dalla pioggia.

Quando torniamo al furgone, Jojo è sempre seduta all’interno. I bambini sono sempre nei pressi e Anna è costretta a farla scendere: deve prenderla in braccio perché Jojo proprio non ne vuole sapere. Con grande rammarico ce ne andiamo, lasciandola lì, a guardarci sul bordo della strada. Le ultime parole di Anna per lei sono: Not today, Jojo. Next time – Non oggi, Jojo. La prossima volta.

Mentre col magone ci allontaniamo, Anna ci confessa che se non ci fossero stati i bambini a guardare, Jojo sarebbe venuta via con noi. Ma è solo questione di tempo, e la porterà via.

La giornata si è così conclusa. E’ stata un’esperienza di emozioni forti e contrastanti. Siamo state testimoni di luoghi e persone di cui in questi anni abbiamo solo sentito parlare.

Abbiamo respirato odori, udito suoni, visto immagini, percepito e vissuto emozioni che prima di oggi avevamo solo immaginato, e forse neanche in tutta la loro portata.

Ci siamo commosse, irritate, angosciate, straziate. Lasciare Jojo sul bordo della strada è stata la goccia che ha colmato la misura.

Salvare il piccolo Hugo è stato grandioso, ma che sarà degli altri cuccioli che abbiamo lasciato indietro? E che dire di Anna? Della sua forza, del suo coraggio, della sua capacità di farsi accettare come persona competente, in grado di aiutare. Del suo entusiasmo e di tutte le emozioni che ogni volta deve tacitare e nascondere.

Abbiamo vissuto e imparato tanto in un solo giorno. Abbiamo acquisito una straordinaria consapevolezza del contesto da cui i nostri cani, i nostri lucher, arrivano, e ancora una più grande ammirazione per la loro capacità di non arrendersi ma di reinventarsi nelle nostre case e nelle nostre famiglie per quei cani “fedeli” che il loro nome significa.

Io amo i lurcher. Li amo dal giorno in cui Robin è entrata nella mia casa. Penso che adesso Giulia comprenda meglio questa mia predilezione, e soprattutto mi auguro che iniziate un po’ ad amarli anche voi che avete avuto la pazienza di leggere fino a qui.

Paola C, Giulia R e l’Irelandream Team che faceva il supporto da casa.

 

NOTA: Se desiderate approfondire il tema dei Travellers e dello sfruttamento dei lurcher, vi consigliamo vivamente di leggere il libro The Dogs of Avalon – autore Laura Schenone, che racconta la storia di Marion Fizgibbon, fondatrice del rifugio di LAW – Limerick Animal Walfare, e della sua vita spesa a difesa degli animali abusati in Irlanda, fortemente intrecciata al mondo dei Travellers e dei lurchers di cui il libro fornisce un quadro dettagliato.

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta e di formatrice. E’ laureata in filosofia e in psicologia. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.

Insieme condividono la loro vita con un gruppo di levrieri rescue e una segugia. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita.

×
Vice presidente di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. 
Per passione personale nel 2020 ha conseguito il titolo di educatore cinofilo presso la scuola cinofila Il Mio Cane.
Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective.
Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese, e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina il gruppo di ricerca dei levrieri smarriti, è membro del Gruppo Adozioni e partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. 
Vive tra Milano e la Valsassina con il marito Massimiliano, ha due figli ormai adulti, Giorgia e Marco, e tre lurcher irlandesi: Robin, Coco e Lucy – e Sandy sempre nel cuore.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.
×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×
Socio fondatore di Pet levrieri, si è occupato in associazione, a titolo puramente gratuito, di trasporti, rapporti con le autorità veterinarie e della comunicazione esterna, curando numerosi articoli sulla situazione dei greyhound e dei galgo nel mondo. Ha partecipato a numerose manifestazioni antiracing in Irlanda e Gran Bretagna. Dal 2022 fa parte del Board di GREY2K USA Worldwide, la più importante organizzazione antiracing mondiale. 
Laureato in filosofia e in Psicologia della comunicazione, insegna filosofia e storia nella scuola superiore di secondo grado; per crescita personale si è formato e diplomato come educatore cinofilo presso la scuola SIUA. 
Appassionato di musica, in particolare rock e irlandese, dal 2008 condivide le sue giornate, insieme alla moglie Stefania Traini, con levrieri rescue e un “pizzico” di segugi. Perché nella varietà si fanno più esperienze.
×
Membro del consiglio direttivo di Pet Levrieri.
Dopo il liceo linguistico inizia a lavorare in banca ma dopo la nascita della terza figlia decide di volersi dedicare esclusivamente alla sua numerosa famiglia.
Il suo primo cane è stato Otello, un mix labrador-alano, poi è arrivata Gina, un bovaro svizzero.
Viene a conoscenza dello sfruttamento dei levrieri per caso attraverso un articolo trovato in rete e nel novembre 2015 partecipa ad un arrivo di Galgo di Pet Levrieri. Christa, una galga ancora senza famiglia, si butta tra le sue braccia per farsi coccolare. Dieci giorni dopo andrà a prenderla presso la famiglia foster e la porterà a casa. Da questo incontro speciale nasce il suo impegno concreto all’interno dell’Associazione.
Fa parte del gruppo adozioni e si occupa prevalentemente delle richieste estere (Svizzera, Austria, Germania).
A settembre 2018 si reca, insieme a Stefania Traini, a Macau per fotografare e stilare i profili dei cani che verranno in Italia. Qui, incrocia lo sguardo di Tamoko, che decide di adottare appena sarà pronto per il volo che lo porterà a Milano.
Vive a Lugano, Svizzera, con il marito Andrea e i figli Giulia, Alyssa, Cecilia e Tommaso. Membri della numerosa famiglia, oltre a Tamoko, sono anche Harry e Bob, lurcher irlandesi e Paco un meticcio salvato dalle strade di Napoli.
Ama trascorrere le giornate tra montagne e boschi oppure con un bel libro in mano.
Svolge i suoi incarichi in Pet Levrieri in maniera totalmente gratuita.
×