Rimossi i corpi di decine di galgo a Tarancòn

Aggiornamento – vedi anche https://www.petlevrieri.it/2018/02/16/scoperta-una-fossa-comune-di-galgo-a-tarancon/ Nella mattinata del 24 febbraio gli operatori della protezione animali di Tarancòn sono tornati sul luogo del ritrovamento della fossa comune contenente decine di cani morti scoperta qualche giorno fa per rimuoverne i resti. Il luogo, conosciuto come “il taglio” (“the cut”) è stato usato per oltre 20 anni per gettarvi i corpi dei galgo non più voluti dai proprietari. I volontari ne hanno recuperati 25, ma per ragioni di sicurezza non è stato possibile raggiungere le profondità della gola dove molti altri resti giacciono da diverso tempo. Due dei corpi che erano stati fotografati in occasione del ritrovamento sono stati rimossi prima dell’arrivo degli operatori, segno che i proprietari, spaventati all’idea di essere rintracciati e per timore delle ripercussioni della notizia, sono tornati sul posto per portare via i cadaveri. Questo interesse sembra essere dovuto al fatto che la Federazione di Caccia ha sempre dichiarato che “i cani abbandonati o uccisi sono galgo rubati in precedenza“, perché “nessun galguero tratterebbe i propri galgo in questo modo”. Le immagini sono forti e parlano da sole. Link al post di Protectora y Santuario Scooby: https://www.facebook.com/spascooby/videos/2113620278874525/ Link ai post di Yo Galgo: https://www.facebook.com/yogalgo/videos/593358967669027/ https://www.facebook.com/yogalgo/posts/593420057662918

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,