Quando il greyhound Racing finirà di esistere, allora potremmo definirci una nazione di amanti dei cani!

(Traduzione integrale del post)   Scritto da Sam Woolfe il 4/4/2018 
Chiunque si preoccupi del benessere dei cani, sarà lieto di sapere che l’industria delle corse dei levrieri è in declino.
Ora non ci sono più piste da corsa a Londra.
Malgrado ciò, il Greyhound Racing è ancora una forma popolare di intrattenimento e di gioco d’azzardo.
Ciò purtroppo sta a significare che, ogni anno, migliaia di cani continuano a soffrire.
Possiamo continuare a vantarci di essere una nazione che ama i cani, ma fino a quando tollereremo la crudele e sfruttatrice industria delle corse dei levrieri, non potremo meritarci questo riconoscimento!

La crudeltà delle corse dei levrieri

L’industria britannica delle corse dei cani ha pubblicato delle cifre scioccanti che dimostrano che ogni anno muoiono 1.000 levrieri.
Secondo Third Force News: “ogni anno circa 5000 levrieri si feriscono durante le gare, il che significa che uno su tre cani subisce una lesione“.
Quasi 18.000 levrieri vengono allevati ogni anno per l’Industria delle corse.
Piste mal tenute e corse frequenti aumentano le possibilità di infortuni gravi e letali.
Queste le cifre:
  • 1.003  (i morti all’anno)
  • 257 cani sono stati sottoposti ad eutanasia dai vet presenti in pista 
  • 348 sono stati soppressi perché le cure e i trattamenti (di eventuali infortuni subiti) sono stati giudicati troppo costosi, a causa di una prognosi non adeguata oppure semplicemente non è stata trovata loro una nuova “casa”
  • 67 sono stati uccisi perchè NON IDONEI all’adozione
  • 55 sono morti per “morte improvvisa” .
Nessuna nazione che ama i cani permetterebbe all’ Industria di sacrificare la vita e il benessere dei cani stessi in nome dell’intrattenimento e del profitto.
È un’Industria immorale.
Se la Gran Bretagna veramente si preoccupasse degli interessi dei levrieri, allora non leggeremmo queste cifre!

Il divieto è la migliore soluzione a lungo termine

Il 3 aprile, Kerry Elliman – la fondatrice della Greyhound Protection di Birmingham – è apparsa su Good Morning Britain per chiedere il divieto delle corse dei greyhound.
John McCririck, il famoso esperto di corse di cavalli, ha difeso invece questo “sport”, accusando Elliman di essere una “potenziale assassina”.
Secondo lui, vietare le corse dei levrieri significherebbe mettere fine alla “vita di questa specie”. (I levrieri sono una razza di cane, non una specie!).
  Link: https://www.thecanary.co/opinion/2018/04/04/we-cant-call-ourselves-a-nation-of-dog-lovers-until-we-ban-greyhound-racing/ Fonte: THECANARY.CO   © Riproduzione Riservata    

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,