Galgos, galgos e ancora galgos

Si avvicina la fine della stagione di caccia in Spagna. Questo porterà all’abbandono di un numero sconsiderato di galgo, un numero talmente alto che possiamo solo ipotizzare.

I galgo vengono abbandonati per le strade, senza alcuna preoccupazione per il loro futuro, se saranno abbastanza veloci da schivare le auto. Vengono abbandonati in campagna, in campi aridi e polverosi, dove pure le piante fanno fatica a vivere. Vengono abbandonati nelle perreras, le stazioni della morte, dove i cani hanno un paio di giorni per essere riscattati, altrimenti la soluzione più veloce ed economica sarà messa in atto. Come per i rifiuti al macero.

Per alcuni di loro si apriranno le porte di Scooby, un luogo di grandi speranze per i galgos, il primo in cui riescono a trovare un po’ di affetto umano, che li prepara all’adozione.

Questo è ciò che è successo ad un gruppo di quattro galgo, recuperati il 12 gennaio 2019 dalla Residencia Scooby di Valladolid, dove ora si trovano, in attesa di trovare una famiglia. La responsabile del rifugio, Cobie Steketee, sta facendo loro assaggiare tutto il suo calore umano, tutto il suo amore, e anche tante gustose leccornie, ma bisogna trovare una sistemazione definitiva, specie in vista del periodo di maggiore lavoro e difficoltà per il rifugio, che vedrà arrivare decine di cani al giorno, ognuno con le proprie paure e necessità di cure.

La Protectora lavora quotidianamente in stato di allerta e di emergenza, ma i mesi da gennaio ad aprile  sono quelli che richiedono maggiormente il sostegno di tutti.

Dall’articolo di Protectora y Santuario Scooby:https://www.facebook.com/spascooby/posts/2328481120721772.

Tags: , , ,