fbpx

Evviva! Chiude definitivamente il cinodromo Poole Stadium nel Regno Unito

Aggiornato il 13/10/2020
Pubblicato il 24/09/2020

“CHIUSURA DEFINITIVA”: questa settimana è stata annunciata la fine del greyhound racing al Poole Stadium in Regno Unito. Gli operatori del cinodromo nel Dorset hanno dichiarato in un comunicato stampa: “E’ con dispiacere che annunciamo la chiusura definitiva del cinodromo del Poole Stadium”.

Un altro grave colpo all’industria del greyhound racing che segue la chiusura dello stadio di Belle Vue del mese scorso, e di Peterborough di maggio.

Commentando in merito alla fine delle corse in quella struttura, un portavoce ha detto: “Ho sempre sperato che avremmo visto la fine delle restrizioni e di questo virus orribile che ha attanagliato il mondo intero, ma oggi è chiaro che la normalità per quanto riguarda lo sport e le attività di svago è ancora molto lontana”. La direzione del cinodromo sta esaminando “nuove opportunità per ulteriori usi e diversificazioni”.

Congratulazioni al Poole Against Greyhound Exploitation ed a tutti i manifestanti i cui sforzi costanti ed instancabili hanno portato a quest’ultimo importante traguardo per porre fine al greyhound racing nel Regno Unito e nel resto del mondo.

L’annuncio della chiusura del cinodromo di Poole arriva solo un mese dopo la conferma della chiusura di Belle Vue, il primo cinodromo inglese costruito appositamente per il dog racing e per questo soprannominato “la sede inglese del greyhound racing”.

In un comunicato gli operatori della struttura hanno dichiarato che “non ci sono più i presupporti per fare affari e sostenere l’attività corrente dello stadio” e che “non è possibile che la struttura si mantenga da sola”. “Come stadio che dipende pesantemente dalla frequenza dei visitatori, dalla ristorazione ed accoglienza, il periodo di lockdown nazionale ha avuto un effetto particolarmente negativo su Belle Vue, dove le corse disputate a porte chiuse non sono riuscite da sole a mantenere il business in attivo” si legge nel comunicato. “L’incertezza significativa sul ritorno del pubblico ad assistere agli eventi sportivi dal vivo negli stadi ha portato, dopo l’esame di ogni possibile alternativa, alla consapevolezza che non c’è altra scelta che confermare la chiusura”.

Nel mese di Maggio anche il Peterborough Greyhound Stadium ha confermato la chiusura definitiva “con effetto immediato”. Con un articolo intitolato “Dopo 75 anni, lo stadio di Peterborough conferma la fine del greyhound racing”, il Peterborough Telegraph ha dichiarato che “si è concluso l’ultimo giro di corsa per il greyhound racing dopo la conferma da parte dello stadio cittadino della fine delle gare, anche dopo la fine della pandemia da COVID-19”.

Qui in Irlanda negli ultimi tre anni sono stati chiusi tre cinodromi: Harold’s Cross, Lifford e Longford. Il prossimo anno dovrebbero seguirne altri.

ACTION ALERT

STOP AI FINANZIAMENTI PUBBLICI PER IL GREYHOUND RACING

Nel 2020 sono stati approvati nel bilancio di stato altri 16,8 milioni di € in fondi pubblici da destinare al greyhound racing. Dal 2001 il greyhound racing ha ricevuto più di 250 milioni di € dei contribuenti. Contattate il vostro rappresentante locale in Parlamento e chiedete di votare contro questo provvedimento. Visitate il sito web del Parlamento per i contatti: https://www.oireachtas.ie/en/members/tds/…

Contattate il Primo Ministro Micheál Martin, il Vice Primo Ministro Leo Varadkar, il Ministro delle Finanze Paschal Donohoe e il leader dei Verdi Eamon Ryan  per chiedere di interrompere i finanziamenti statali al greyhound racing.

Micheál Martin, Primo Ministro
Email: micheal.martin@oireachtas.ie; info@fiannafail.ie
tel: +353 (0)1–618 4350 or +353 (0)21-432 0088
Facebook: https://www.facebook.com/michealmartintd/
Twitter: http://www.twitter.com/@MichealMartinTD

Leo Varadkar, Vice Primo Ministro
Tel: +353 (0)1-704 3630 OR +353 (0)1-640 3133
Email: leo.varadkar@oireachtas.ie; finegael@finegael.ie
Tweet to: @LeoVaradkar
Facebook: https://www.facebook.com/LeoVaradkar

Paschal Donohoe
Ministro delle Finanze
Email: paschal.donohoe@oireachtas.ie; minister@per.gov.ie
Tel: 01 6045810
Facebook: https://www.facebook.com/PaschalDonohoe/
Tweet to @Paschald

Eamon Ryan
Leader dei Verdi, Partito Ecologista
Tel: 01 618 3894
Email: eamon.ryan@oireachtas.ie
Facebook: https://www.facebook.com/EamonRyanGP/
Twitter: https://twitter.com/EamonRyan

Firmate e condividete le nostre petizioni:

Governo irlandese: Stop ai milioni di euro donati all’industria del greyhound racing
https://www.change.org/p/irish-government-stop-giving-milli…

Irlanda – Divieto alla caccia alla lepre / coursing
www.change.org/p/ireland-ban-cruel-hare-coursing

Stop al sostegno all’indutria del greyhound racing
https://www.change.org/p/stop-supporting-the-cruel-greyhoun…

Gaelica Athletic Association (GAA): Stop alle raccolte fondi dei club sportivi organizzate nei cinodromi
https://www.change.org/p/gaa-stop-club-fundraisers-at-greyh…

Diciamo alla Gain Pet Nutrition di non sponsorizzare più il greyhound racing
https://www.change.org/p/jimtracy-glanbia-ie-tell-gain-pet-…

 

Articolo originale: 
https://www.facebook.com/banbloodsports/photos/a.463548137094083/3291803520935183/

 

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×