fbpx

Fear the Beat – greyhound salvato dal Canidrome di Macao

Aggiornamento 18 ottobre 2018

ARRIVEDERCI FEAR THE BEAT, DOLCE AMICO
Rimarrai per sempre nei nostri cuori.
(Australia, 25/10/2012– Macao, 18/10/2018)



Ci avevi accolti con il tuo muso sorridente e la tua coda danzante, come a dirci: “Ciao siete venuti a prendermi?! Dove andiamo di bello? Dai dai portatemi via con voi!”

E così sarebbe stato. Saresti partito per l’Italia ad inizio febbraio.

Ad attenderti la tua famiglia adottiva, una famiglia che proprio oggi aveva deciso di accoglierti nella propria casa, di amarti per sempre. 
Oggi doveva dunque essere un giorno speciale …il primo di una lunga serie. 
Invece è stato il giorno della tua morte.

Ho dovuto leggere più volte il messaggio di Albano Martins. Non ci potevo credere.

<17-10-2018>
One bad news!
146-Fear the Beat, a greyhound, earbrand NBHYR, aged five years and 10 months, Australian, BK color, male, health status 2, living in Kennel 2 /17, scheduled to go to Italy, died today.
According to official information he was bitten by another dog in K2 on 8 Oct, with deep and wide wound on the cervical muscle!
Even treated he died in the morning!
R.I.P. my friend!
Albano Martins
Anima

Eri ormai così vicino dal potrebbe assaporare una vita di rispetto e amore …così vicino.

Tanto dolore e rabbia.

Riposa in pace dolce ragazzo.



Stefania Traini

Presidente Pet levrieri

 

Il suo nome ora è: FEAR The BEAT

Greyhound maschio australiano
Mantello nero
Altezza: 73 cm al garrese
Data di nascita: 25/10/2012

Arriverà in Italia a febbraio 2019

Sembra dire: “Ciao mi sei venuta a prendere?! Dove andiamo di bello? Dai dai portami via con te!” 
Fear the Beat ti accoglie con un muso sorridente e la sua coda danzante, che si mette subito in movimento come gli dai attenzione e soprattutto lo coccoli. 

E’ un tipo simpatico, vitale, spumeggiante. E’ affettuoso e socievole, ma senza essere esagitato. Mostra di saper modulare l’arousal.
Adora le coccole, starebbe lì per ore a farsele dispensare. Non è inibito o infastidito al tatto, anzi. 

E’ curioso e la passeggiata per lui è l’unica vera occasione per fare un pieno di informazioni e per entrare in contatto con altri cani, umani e l’ambiente, per quanto quello chiuso, monotono e lastricato di cemento che costituisce il Canidrome. 

Tende dunque ad inizio passeggiata a tirare al guinzaglio, preso dalla perlustrazione e dalla voglia di andare. Richiede dunque un conduttore che sappia gestire questa fase iniziale, sia per mantenere adeguata presa al guinzaglio, sia per aiutarlo a dosare l’eccitazione. Passato questo primo momento e ritrovata la calma o un livello moderato di eccitazione, si lascia condurre facilmente. 

E’ appropriato e socievole con gli altri grey. Indicato per prima adozione. 

Fear the Beat arriverà in Italia tra gennaio e marzo 2019. 

È sterilizzato. È dotato di passaporto con regolare antirabbica e le vaccinazioni previste per legge.

Per adottare o per informazioni più dettagliate potete contattarci

– scrivendo a: adozioni.petlevrieri@gmail.com o stefania.petlevrieri@gmail.com

– telefonando ai seguenti numeri cell. 3389541011 – 3454543054

– compilando direttamente il modulo “Domanda di adozione” che trovate sul nostro sito a questo link https://www.petlevrieri.it/save-the-macau-greyhounds/domanda-di-adozione-macau/

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×