fbpx

Jojo – Già in Italia presso famiglia foster – Adottato 09/07/2022

 

Greyhound maschio  
Mantello bianco e nero
Altezza: 72 cm al garrese
Data di nascita: 02/01/2019

Aggiornato il 16 maggio 2022
Pubblicato il 11 aprile 2022

Jojo è arrivato in Italia sabato 28 maggio ed è ora affidato ad una famiglia foster che si prenderà cura di lui facendogli fare tante esperienze positive con gli umani, gli altri cani e l’ambiente in attesa della sua famiglia per sempre.

Jojo e’ sicuramente un bel ragazzo. Alto, aitante, fisico atletico e scolpito da anni di allenamento. Muscoli ben in vista e forme possenti da campione. Quel campione destinato a diventare, nei progetti del suo trainer, che aveva in mente per lui un futuro di numerose gare e relative vittorie.

Ma a Jojo un tale programma non interessava per nulla e questo ha decretato la sua fine nel mondo delle corse e non solo.

Jojo pero’ e’ nato sotto una buona stella, quella stella che lo condotto al rifugio di Deel Rescue e alla famiglia foster che si sta prendendo cura di lui e lo accudira’ fino a quando non partira’ per l’Italia.

Jojo e’ un giovanotto con un carattere amabile, per nulla competitivo e desideroso di primeggiare. E’ un tipo piuttosto pacato, a cui piace la vita tranquilla, senza troppi scossoni o spiacevoli sorprese.

E’ anche un po’timido nelle sue manifestazioni. Non concede facilmente la sua fiducia ed e’ guardingo non solo nei confronti degli estranei, ma anche di fronte alle novita’ in generale, che ha bisogno di analizzare e metabolizzare. Ha bisogno di tempo per conoscere cio’ che lo circonda e di approfondire le situazioni in cui si trova, raccogliendo informazioni attraverso l’osservazione, a debita distanza, degli altri cani, umani e circostanze, in modo da potersi approcciare gradualmente alla scoperta con piu’ certezze e rassicurazioni.

E’ un acuto osservatore di cio’ che accade intorno a lui e dalle sue reazioni o dagli atteggiamenti che assume, ci si accorge che, nel tempo, ha tratto quegli apprendimenti sul mondo circostante e su come funzionano le cose nel suo ambiente di vita, utili per affrontarle nel migliore dei modi.

La famiglia foster ha dedotto da questo che Jojo e’ un ragazzo sicuramente curioso, ma inibito nel suo desiderio di esplorare il mondo, da un’insicurezza di fondo, molto probabilmente frutto degli insegnamenti forzatamente appresi nel suo passato di racer, in cui non gli era permesso prendere alcuna iniziativa spontanea, perche’subito repressa. Caratteristica frequente in moltissimi grey accomunati dalla stessa, triste sorte.

All’inizio, nella sua attuale famiglia foster, Jojo si e’ mostrato poco o nulla interessato alle attivita’ degli umani, alle loro abitudini, ai loro passatempi. Ora, lentamente, si lascia coinvolgere sempre piu’ spesso da cio’ che fa la famiglia, ma senza mai essere invadente e senza chiedere di essere partecipe a tutti i costi. Un certo interesse lo suscitano in lui le abitudini alimentari delle persone di casa e sta mostrando una qualche propensione per il cibo umano, ma senza troppa insistenza. Sa essere sempre misurato e garbato anche in questo.

 In casa foster, riesce a trovare facilmente e in breve tempo, uno stato di calma, e’ felice di stare sulla sua brandina nel soggiorno o al piano superiore e di dormire accanto ai suoi umani. Se la sera loro vanno a letto, lasciandolo solo al piano inferiore, lui dopo un po’ li segue, per sdraiarsi tranquillo, nella sua cuccia, vicino al loro letto, dormendo poi pacificamente per tutta la notte.

Sta superando l’iniziale diffidenza e si sta rivelando un ragazzo affettuoso, che ama andare a salutare le persone di famiglia, al risveglio o al rientro, durante la giornata. Saluta con fare gioioso e poi si ritira nel suo luogo di calma, tutto contento e soddisfatto.

In casa, e’ molto rispettoso degli ambienti e degli arredi. Anche se si e’ ormai abituato a sporcare in esterno, non fa spesso i suoi bisogni e ha quindi bisogno di essere incoraggiato a uscire piu’ di frequente. Ma sa farsi capire molto bene quando deve uscire per le sue necessita’.

Jojo e’ un ragazzo gentile a cui piace essere accarezzato, anche se questo e’ del tutto nuovo per lui. Si capisce bene che non e’ mai stato abituato a essere toccato in maniera delicata e questo per lui e’ una vera, piacevole scoperta. Per questo, cerca timidamente abbracci, carezze o grattini e quando li riceve se li gode tutti, socchiudendo gli occhi compiaciuto.

Appare invece guardingo e nervoso quando l’umano usa movimenti veloci delle mani, probabilmente per il timore di essere picchiato, eredita’ anche questa, della sua precedente, squallida vita.

Il momento del pasto e’ molto piacevole per Jojo, mangia senza problemi il suo cibo secco, ma non lo richiede con insistenza e non si eccita o innervosisce quando si avvicina l’ora fissata per il cibo.

Nei confronti degli altri cani, e’ alquanto equilibrato, si lascia avvicinare con tranquillita’ da cani di ogni taglia, senza avere reazioni esagerate o inopportune. Convive gia’ serenamente con le due piccole canine di casa.

E’ pero’ interessato ai gatti, anche se, fino ad ora, non si e’ mai realmente attivato verso di loro, facendosi facilmente distrarre, durante la passeggiata. Presumiamo che non sia adatto a convivere con gatti, anche se non e’ stato ancora testato a questo scopo.

Al guinzaglio, si lascia condurre senza problemi, seguendo le indicazioni del conduttore. Sta cominciando a divertirsi quando e’ all’aria aperta. E’ evidente che non riesca ancora a credere di poter entrare e uscire di casa, a suo piacimento, per esplorare il giardino ogni volta che ne ha voglia, senza essere rimproverato e quando si rende conto che puo’ farlo liberamente, ne e’ sempre molto felice. La famiglia foster ha osservato solo una certa difficolta’ a camminare su pavimento in laminato.

Ama viaggiare e andare in auto e si gode pienamente anche questi momenti, del tutto nuovi per lui.

Jojo e’ un amore di grey, che sta sperimentando finalmente cosa significhi vivere senza restrizioni o le dure imposizioni della vita da racer. E’ felice di ogni piccola conquista e di scoprire quanto possa essere bello prendere iniziative e fare scelte spontanee, di cui poi doversi pentire. Ha solo bisogno di essere incoraggiato su questo percorso, per acquisire piu’ fiducia nell’essere umano, ma soprattutto in se stesso. Lui e’ gia’ sulla strada giusta.

Jojo è appena stato salvato dal rifugio Irlandese DEEL RESCUE.

È stato sterilizzato il 02/03/2022. È dotato di passaporto con regolare antirabbica e le vaccinazioni previste per legge.

Per adottare o per informazioni più dettagliate potete contattarci

– scrivendo a: [email protected] o [email protected]

– telefonando ai seguenti numeri cell. 328 61 85 068 – 345 45 43 054

– compilando direttamente il modulo “Domanda di adozione” che trovate sul nostro sito a questo link http://adozioni.petlevrieri.it

A questo link trovate tutte le info sul percorso di adozione (step, donazione prevista, modalità di consegna del cane, affiancamento pre e post adozione): https://www.petlevrieri.it/adozioni/

Jojo con la famiglia foster

Jojo al suo arrivo in Italia

Jojo in Irlanda

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è Direttore delle Risorse Umane di una multinazionale del settore IT. Per passione personale a luglio 2020 conseguirà il titolo di educatore cinofilo presso la scuola Il Mio Cane.net. Ha partecipato al corso di gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti organizzato da Pet Detective. Nel marzo 2014 adotta “per caso” Sandy, greyhound irlandese e scopre la dura realtà dei levrieri sfruttati nelle corse e nella caccia decidendo così di impegnarsi concretamente nell’Associazione.
Coordina lo Shop Online, collabora con il gruppo Adozioni nelle visite di pre-affido e nelle attività post-affido, partecipa come portavoce di Pet levrieri ad eventi di informazione e divulgazione delle attività dell’associazione. Vive a Milano con il marito Massimiliano, i figli Giorgia e Marco, la grey Sandy, la lurcher Robin e Yughi, un meticcio di oltre 15 anni. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri a titolo assolutamente gratuito.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×