fbpx

Jack …Adottato – Arrivo 8 marzo 2014

Greyhound maschio non tatuato

Mantello bianco con macchie tigrate

Altezza: 7o cm al garrese; peso: 33 Kg.

Jack è un giocherellone ottimista, affronta la vita con positività ed energia; la voglia di vivere fatta grey. Quando siamo arrivati a Paws, ha catturato subito la nostra attenzione. E’ stato uno dei primi, se non il primissimo a venirci a salutare alle sbarre del kennel, con un musetto sorridente e la coda scodinzolante.

Già conquistate da quell’istante e già sicure che l’avremmo portato in Italia quanto prima. Sicuro Jack ti troveremo una famiglia degna della tua disarmante simpatia e del tuo carisma.  😀

Jack è come quel compagno di scuola che riesce bene in tutte le materie ed è pure simpatico. Esuberante, intraprendente, curioso, adora correre e adora giocare; vive le passeggiate come delle spedizioni alla scoperta di qualcosa di nuovo che si presenterà sul suo cammino, non si lascia sfuggire nulla e analizza tutto con sguardo indagatore, si presenta ad umani e cani con fare simpatico ed estroverso.

Fosse per lui giocherebbe sempre e con chiunque: per lui fare conoscenza con altri cani significa reclutare nuovi compagni di giochi e di avventure, spesso salta i convenevoli cercando subito il gioco, come un vero leader carismatico.

Il suo motto è “Non perdiamo altro tempo che sarebbe utile per giocare!”.

Purtroppo questa caratteristica lo presenta come invadente ed irruenti agli occhi di cani meno socievoli di lui, anche perchè ha la tendenza a “saltare addosso” agli altri cani per invogliarli al gioco e quando è eccitato può assumere comportamenti assertivi nei confronti dei nuovi amici.

Questa socialità esuberante e non proprio british gli è valsa qualche morso da parte di cani che non hanno gradito la sua espansività. In quei casi Jack si è comportato in modo intelligente: ha incassato il colpo e imparato la lezione, senza dare seguito alla lite, anzi, facendo da pacificatore. Da quel momento i più assertivi o scontrosi li lascia stare, con quelli che intuisce che alla fine si arrenderanno o lo accetteranno per quello che è, ritorna ben presto alla carica. Così ha fatto quando lo abbiamo portato in passeggiata con Wisky che lo guardava con aria tra lo sconcertato e il paziente. Questa reazione flemmatica e paziente di Wisky e il nostro interporci tra loro per mediare gli approcci hanno contributo a calmare Jack e alla fine i due passeggiavano l’uno accanto all’altro tranquillamente con qualche ingaggio qua e là decisamente più garbato e quindi più gradito di Jack.

È esuberante, ma non nervoso né tanto meno aggressivo, non è per nulla un attaccabrighe.  Con il suo buon umore e la sua indole fiduciosa e positiva, Jack ha un effetto positivo sugli altri cani, soprattutto su quelli che sono insicuri e diffidenti, che tende a rassicurare: al rifugio jack ha infatti aiutato altri grey timorosi ad acquistare fiducia nelle persone e negli ambienti.

Adora essere premiato e coccolato, ricerca il contatto e la gratificazione.

È un testone, prende iniziative senza consultarsi con il suo bipede, ma è docile, si affida completamente al suo umano di riferimento se lo avverte sicuro ed affidabile, tende a lasciarsi guidare.

Il rapporto che crea con il suo umano di riferimento è un rapporto privilegiato, ha bisogno di qualcuno che lo aiuti a incanalare la sua esuberanza, che gli insegni ad adeguare i suoi comportamenti alle situazioni e ai luoghi. Le carezze e le manipolazioni, se ben eseguite, lo aiutano a calmarsi, così come un semplice linguaggio non verbale sobrio, chiaro e armonioso.

La sua esuberanza si fa notare anche nel cibo: Jack è un ladro infallibile.

Attenzione ai piatti dimenticati in cucina!

Jack ha quasi otto anni, trascorsi nel cacciare e nel coursing. Viveva insieme ad un whippet anche lui sfruttato per la caccia.

Jack si trova al rifugio di Paws. E’ in regola con le vaccinazioni e sterilizzato. Arriverà in Italia 8 marzo.

Presidente e socio fondatore di Pet levrieri dalla data di fondazione. Svolge questo ruolo in maniera totalmente gratuita. Nella vita svolge la professione di psicologa e psicoterapeuta. Per crescita personale si è formata e diplomata come educatrice cinofila presso la scuola SIUA. Ha svolto il corso professionalizzante per la gestione della ricerca e del soccorso di animali smarriti, organizzato da Pet Detective. Ha iniziato a scoprire quello che accade ai greyhound nel racing in seguito all’adozione della sua prima grey, Silky, nel 2008. Da qui il suo impegno civile antiracing e anticaccia in difesa dei greyhound, dei galgo e dei lurcher. Sposata con Massimo Greco, altro socio fondatore di Pet levrieri, condivide con lui questo impegno.
Insieme condividono la loro vita con sette cani, tutti adottati: Cabana, galgo spagnolo, Zen, grey salvato dal cinodromo di Macao, King, grey salvato dal mercato della carne in Cina, Babe, grey irlandese, Barney, grey irlandese, Lucy, grey irlandese, e Adhara, una meticcia. Nel cuore sempre presenti i tre grey Silky, Blackie e Rob, che sono stati straordinari amici e ambasciatori della causa.

×

Macia, vicepresidente e socio fondatore di Pet Levrieri, ha lavorato presso case editrici e oggi collabora in qualità di correttrice di bozze e per la revisione di testi. Nel 2011 ha adottato il suo primo levriero, entrando in contatto con la triste realtà che si cela dietro galgo, grey e lurcher e da qui è nato il suo impegno che condivide con suo marito Francesco, anche lui volontario all’interno dell’associazione. Ricopre il ruolo di Coordinatore del gruppo Adozioni e a ogni arrivo la trovate dietro un tavolo a far firmare moduli agli adottanti.
Vive a Milano con il marito in compagnia di un galgo spagnolo, Rodrigo, e due grey irlandesi, Rosden e Suzie, l’ultima adottata un anno fa.

×

Vice Presidente e socio fondatore di Pet levrieri, laureata in scienze politiche internazionali, gestisce un’impresa di consulenze turistiche. In Pet Levrieri si occupa in particolare delle relazioni con la Spagna e dei profili dei galgo e si reca più volte all’anno nei rifugi spagnoli per conoscere i cani e stilarne i profili. Fa parte del team che amministra sito e pagine Fb dell’associazione.
Ha adottato la galga Debra nel 2011. Venire a contatto con la realtà dei levrieri rescue l’ha spinta ad approfondire il discorso e a impegnarsi attivamente a favore dei grey, galgo e lurcher sfruttati e maltrattati in tutto il mondo. Oltre a Debra vive con due cani meticci, salvati da situazioni di abbandono.
Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo e socio fondatore di Per levrieri, dove si occupa dell’organizzazione logistica degli eventi e del merchandising. Nella vita è titolare di un laboratorio odontotecnico dal 1990. Da sempre appassionato di cani, il suo primo cane è stato un setter irlandese. Sposato con Marianna Capurso, anche lei socia fondatrice di Pet levrieri, condivide con lei l’impegno antirancing e anticaccia in difesa dei levrieri. Accanto al presidente di Pet levrieri, ha partecipato alla prima conferenza mondiale sui greyhound in Florida nel 2016. Ha partecipato a molti corsi organizzati da Think Dog e Siua. Perle è stata la sua prima greyhound. Nella sua vita ora ci sono Peig e Inta, due lurcher, e Karim, greyhound salvato dal cinodromo di Macao, e Ricky, un pinscher, che è la mascotte di tutto il gruppo. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×

Membro del consiglio direttivo di Pet levrieri. Nella vita è una pasticciera. Dal 2014 a seguito dell’adozione di Rosie, una greyhound irlandese ha conosciuto la realtà dello sfruttamento dei levrieri. Da qui l’impegno in associazione. Coordina il gruppo facebook di Pet levrieri, gestisce il canale istituzionale Twitter, ed è membro del gruppo adozioni. Condivide la vita con il compagno Stefano, socio e volontario di Pet levrieri, James greyhound salvato in Irlanda e Jasmine greyhound sopravvissuta al cinodromo di Macao, nel cuore portano Rosie e Mags greyhound salvate in Irlanda. Svolge i suoi incarichi in Pet levrieri in maniera totalmente gratuita.

×