Open top menu
I Bookmakers, la vera macchina sforna-soldi dell’industria delle corse.

I Bookmakers, la vera macchina sforna-soldi dell’industria delle corse.

La vera macchina sforna-soldi dell’industria sono gli allibratori e ogni anno nel Regno Unito il giro d’affari di scommesse sulle corse dal vivo coi greyhound si aggira attorno a 2.5 miliardi di sterline.

Almeno il 99% di tutte le scommesse sulle corse coi greyhound in Gran Bretagna passano attraverso il Bookmakers Afternoon Betting Service (BAGS) (link: http://www.bagsracing.com/index.html), che trasmette le gare in diretta nelle agenzie di scommesse e online attraverso il SIS (Sports Information Services Ltd), fornendo un altro prodotto d’azzardo per giocatori nazionali e internazionali.

Solo una manciata di persone assiste di persona alle gare organizzate dal BAGS che iniziano la mattina alle 10.30, non vengono infatti considerati eventi sociali in quanto il loro unico scopo è quello di fornire un prodotto su cui scommettere 11 ore al giorno 7 giorni su 7, facendo ricavare enormi profitti agli allibratori.

Ogni settimana circa 3360 greyhound vengono obbligati a gareggiare nelle quasi 80 corse organizzate ogni giorno dal BAGS. 

I tre bookmaker più importanti che finanziano il British Greyhound Racing Fund sono Coral, William Hill e Ladbrokes, ma circa il 17% di tutti gli allibratori preferisce non versare alcun contributo. Questi bookmaker maggiori possiedono anche due cinodromi a testa. Coral è proprietario degli stadi di Hove e Romford, William Hill di quelli di Sunderland e Newcastle, mentre Ladbrokes possiede quelli di Crayford e Monmore; i rimanenti 19 cinodromi autorizzati sono di proprietari indipendenti.

Il BAGS è di proprietà di un consorzio di bookmaker che paga direttamente una quota ai cinodromi sotto contratto per gestirne le gare, e le strutture pagano a loro volta agli addestratori un compenso affinché forniscano i cani che gareggiano nelle corse gestite dal BAGS. Quest’onorario è separato dall’imposta versata al British Greyhound Racing Fund, e nel 2012 il BAGS ha versato ben 25 milioni di sterline ai 18 cinodromi appaltati, i quali hanno poi pagato gli addestratori affinché fornissero i cani necessari per le gare.
Nonostante i guadagni di milioni di sterline da parte dei bookmaker, i greyhound che corrono per il BAGS sono i più sfruttati e maltrattati di tutti. Costano in media solo 100 sterline, spesso sono di proprietà degli stessi addestratori, non viene loro concesso nulla o quasi in termini di benessere e tutela e, in caso di infortunio o se non risultano abbastanza competitivi, si svalutano completamente.

Nel 2012 due addestratori sotto contratto per la fornitura di cani per le gare gestite dal BAGS al cinodromo di Belle Vue di Manchester sono stati scoperti da Greytexploitations. Potete leggere l’intero articolo qui: The Secret Slaves of the Dog Racing Industry.

Se non fosse per il BAGS, in Gran Bretagna non esisterebbe più un’industria del greyhound racing solida e autorizzata”
 Lord Donoughue

Articolo originale:
http://greytexploitations.com/the-structure-of-the-greyhound-racing-industry/the-money-makers/

© Riproduzione riservata

Stefania Traini
Written by Stefania Traini

No comments yet.

No one has left a comment for this post yet!

Leave a comment