Open top menu
Cosa fare per proteggere i nostri cani dai botti (petardi e fuochi d’artificio)

Cosa fare per proteggere i nostri cani dai botti (petardi e fuochi d’artificio)

Come ben sapete, l’abitudine ahimè ancora largamente diffusa di festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo con petardi e fuochi d’artificio costituisce un vero incubo per molti cani e gatti, che possono essere colpiti da veri e propri attacchi di panico.

E’ importante ricordare che gli animali hanno una diversa percezione dei rumori. Nei cani, ad esempio, il senso dell’udito è notevolmente superiore a quello umano. Oltre a sentire vibrazioni comprese tra 20 mila e 40 mila Hz (l’uomo non sente quelle che superano i 20 mila), sentono ad un volume doppio del nostro.

Inoltre, una componente dei fuochi per noi marginale, quella olfattiva, è particolarmente rilevante per i cani che sono in grado di sentire odori a una concentrazione un milione di volte inferiore a quella percepita dall’uomo e a una distanza per noi inimmaginabile.

E’ quindi facile intuire quale sia lo stato di ansia e terrore che anticipa e accompagna lo scoppio simultaneo di migliaia di petardi, mortaretti e fuochi artificiali. I fuochi d’artificio rientrano tra gli stimoli che provocano sensibilizzazione, ovvero un progressivo aumento della risposta di paura, poiché sono stimoli di forte intensità, non sono prevedibili, compaiono a intervalli irregolari e non c’è possibilità di fuga. Alcuni soggetti più sensibili, oltre allo stato fobico quando sentono i fuochi, sviluppano anche uno stato ansioso per tutto il periodo che precede e segue la fine dell’anno.

Cosa possiamo fare, dunque, per aiutare i nostri cani in questi giorni di festa?

Il cane, in occasione della percezione degli scoppi provocati dai fuochi d’artificio, può rimanere pressoché indifferente, esserne impaurito o mostrare una sintomatologia simile a un “attacco di panico”. In quest’ultimo caso è opportuno consultare un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale così da realizzare una visita comportamentale.

Vediamo ora nel dettaglio cosa possiamo fare per aiutare i nostri cani. 

  1. Teniamo i nostri cani il più lontano possibile dai festeggiamenti e dai luoghi in cui i petardi vengono esplosi;
  2. Non lasciamoli soli. I cani che si spaventano potrebbero avere reazioni incontrollate e ferirsi, quindi è necessario stare loro vicino, senza esagerare con coccole e carezze. E’ necessario mostrarsi tranquilli e felici, cercando di distrarli, se possibile, con giochi e bocconcini, mostrando che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Distraiamoli senza sgridarli o accarezzarli. Se li sgridiamo rischiamo di aumentare la loro ansia. Se li accarezziamo o li prendiamo in braccio confermiamo le loro paure. Il modo migliore è distrarli con il gioco durante i botti.
  3. Allestiamo la “stanza rifugio”: scegliamo il locale dove il rumore dei botti si percepisce con minore intensità, collochiamo lì la sua cuccia preferita, collochiamo nella stanza un diffusore di feromoni appaganti (D.A.P.) e spruzziamoli anche sulla cuccia.
  4. Abbassiamo le tapparelle o chiudiamo le imposte. In questo modo i rumori e gli odori provenienti dall’esterno arriveranno più ovattati all’interno e i cani non vedranno i bagliori e le deflagrazioni dei fuochi d’artificio.
  5. Teniamo alto il volume di radio o televisione in modo che venga attutito il rumore dei botti proveniente dall’esterno.
  6. Rimaniamo  accanto ai cani, rassicurandoli con un carezza e tranquillizzandoli con voce bassa e pacata. Quando è possibile, ovvero quando i cani mostrano di accogliere l’invito all’interazione e al gioco, distraiamoli coinvolgendoli in attività di gioco. Non costringiamoli.
  7. Non obblighiamoli a starci accanto. Se i cani si rifugiano in un qualche luogo della casa, che hanno eletto in quel momento come nascondiglio, non cerchiamo di spostarli di lì, a meno che non sia un luogo pericoloso per la loro incolumità. Se si sentono a loro agio in quel luogo, anche se è diverso dalla stanza rifugio che abbiamo allestito, lasciamoli lì.
  8. Lasciamo che si rifugino dove preferiscono, anche se si tratta di un luogo che normalmente è  loro ‘vietato’.
  9. Come sapete noi siamo assolutamente contrari a tenere i cani in giardino. Quindi questo punto dovrebbe essere pleonastico, ma lo ricordiamo comunque per eccesso di scrupolo. Non lasciamo nessun cane in giardino. Teniamo in casa o in un luogo protetto e rassicurante anche gli animali che abitualmente vivono fuori in modo da scongiurare il pericolo di fuga.
  10. Evitiamo di chiamare i nostri cani per far loro vedere le deflagrazioni e i bagliori dei fuochi d’artificio per mostrargli e cercare di convincerli che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Otteniamo l’effetto contrario se hanno paura.
  11. Coinvolgiamo i nostri cani  in una lunga e coinvolgente passeggiata il pomeriggio dell’ultimo giorno dell’anno, così la sera saranno stanchi e, presumibilmente, meno attenti a ciò che accade loro intorno.
  12. Il pomeriggio dell’ultimo dell’anno teniamo i cani rigorosamente al guinzaglio, evitando anche di liberarli nelle aree cani per evitare fughe dettate dalla paura. Se sappiamo già che un nostro cane ha paura dei botti, ricorriamo il 31/12 e anche i giorni precedenti (se viviamo in una zona dove iniziano a sparare anche prima) rigorosamente alla conduzione del nostro cane con la pettorina antifuga (a doppia H), il collare e il doppio guinzaglio. Evitiamo i percorsi di passeggiata che sappiamo essere esposti al rischio di botti.
  13. Dopo le ore 20 del 31 dicembre non portiamo più fuori il cani, perché spesso gli scoppi iniziano con anticipo. Per quella sera, attrezziamoci a permettere loro di sporcare in casa se hanno bisogno.
  14. Diamo loro la pappa al rientro dalla passeggiata, così da favorirne la consumazione qualche ora prima dell’inizio dei botti.
  15. Portiamo i cane a fare l’ultima passeggiata soltanto a festa conclusa, avendo cura di attendere almeno trenta minuti dall’ultima deflagrazione così da evitare la presenza di scoppi improvvisi durante il giro.
  16. Chiedere agli amici che trascorreranno la serata con noi, di festeggiare evitando l’utilizzo di fuochi d’artificio ma lanciando stelle filanti o coriandoli.
  17. Se possediamo un camper o una casa fuori città, è opportuno scegliere questa opzione per trascorrere il Capodanno lontano dalle deflagrazioni.
  18. Se il nostro cane ha un conspecifico  amico/amica che non teme i botti, è bene trascorrere il Capodanno tutti insieme cosicché i cani più tranquilli possano supportare quelli più ansiosi.
  19.  Consultiamo prima delle feste natalizie, il nostro veterinario di fiducia e/o Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale che potrà consigliarci, se reputa utili per i nostri cani, dei rimedi omeopatici e/o farmacologici per proteggere il cane dall’evento stressogeno/traumatico ed un’eventuale terapia comportamentale. Poter contare su un esperto che conosca già i nostri cani, da consultare qualora il nostro cane avesse un vero proprio attacco di panico è molto importante.
  20. Evitiamo soluzioni fai-da-te somministrando tranquillanti: alcuni sono addirittura controindicati e fanno aumentare lo stato fobico.

Quando i nostri cani manifestano una  sintomatologia simile a un “attacco di panico” è fondamentale consultare un Medico Veterinario Esperto in Comportamento Animale così da realizzare una visita comportamentale. Il percorso riabilitativo, realizzato con il supporto di un Istruttore Cinofilo Riabilitatore, permetterà al gruppo famiglia di acquisire le competenze necessarie per supportare il cane durante l’evento fobogeno.

Riportiamo di seguito un poster molto intuitivo su quello che occorre fare e non fare:

12363219_1164844150211347_7474064653378981183_o

Come si fa a capire se il nostro cane ha una risposta di paura di fronte ai botti o di vero e proprio panico? 
Ci sono alcuni indicatori (comportamenti sintomatici) che ci aiutano a distinguere le due reazioni.

Il cane ha paura, in occasione dello scoppio dei fuochi d’artificio, quando:
– È attento a ogni rumore, si orienta verso la direzione da cui proviene il suono per poi ritrarsi subito dopo.

– È agitato ma non cerca un nascondiglio.

– Emette alcuni abbai durante gli scoppi ma si tranquillizza in breve tempo.

– Non trema o biascica, piagnucola ogni tanto, riesce ad avvicinarsi ai proprietari quando chiamato.

Il cane ha un “attacco di panico”, in occasione dello scoppio dei fuochi d’artificio, quando:
– Vaga per l’abitazione o nel giardino senza pace, cercando una via di fuga.

– Si nasconde, per esempio sotto il letto, in bagno nella cuccia o in garage e, anche se chiamato, non esce.

– Cerca ripetutamente il contatto con il proprietario, ma non riesce a calmarsi anche quando ottiene coccole e carezze.

– Distrugge oggetti quando solo, come per esempio il divano o il proprio giaciglio.

– Lasciato in giardino, distrugge le persiane delle finestre o le ante delle porte per cercare rifugio all’interno dell’abitazione.

– Trema, biascica, perde gocce di saliva, ansima, urina o defeca là dove si trova, recupera la calma molto tempo dopo l’ultimo evento sonoro.

 

Stefania Traini
Written by Stefania Traini

No comments yet.

No one has left a comment for this post yet!

Leave a comment