Open top menu
Il Progetto Fostering e la scelta antiracing – Aiutaci in questo progetto.

Il Progetto Fostering e la scelta antiracing – Aiutaci in questo progetto.

Uno degli aspetti che è necessario approfondire del nostro Progetto Fostering è il legame con la scelta di essere un’associazione antiracing.

Essere antiracing significa per noi prendere i cani dai rifugi che non hanno sovvenzioni dall’industria e che dunque pagano di tasca propria tutte le spese per i cani. Questi rifugi non possono permettersi il lusso di tenere mesi e mesi i cani, in attesa che noi abbiamo famiglia giusta per tutti. Cosa non sempre semplice, dal momento che non scegliamo i cani ma prendiamo tutti quelli che hanno bisogno: greyhound e lurcher, compresi cani senza un occhio, senza una zampa o investiti da un’auto.

Poi, ogni cane che viene portato via è un posto libero per un nuovo cane salvato. Dunque si salvano più cani.

Infine noi facciamo trasporti eccellenti e del tutto indipendenti, e li paghiamo di tasca nostra: 5000 euro a viaggio. Far viaggiare il furgone senza riempirlo sarebbe per noi economicamente insostenibile.

Chi prende i cani direttamente dai trainer non ha nessuno di questi problemi: sceglie i cani; i cani sono presso i trainer, le spese le sostiene dunque l’industria; il numero di cani salvati non cambia, perché dipende dal budget stabilito e non dall’intento di salvare quanti più cani possibile (in tre anni il numero di cani adottati dal programma dell’industria è sceso da 680 nel 2011 a 420 nel 2013); le spese di trasporto sono pagate in parte dall’industria.

Dunque collaborare con l’ente corse conviene, non c’è dubbio, anche se non certamente ai greyhound irlandesi.

Ma esiste un’alternativa al foster? Certo, si chiama canile. Ma noi abbiamo scelto di non seguirla, malgrado ci abbiano offerto posti gratis.

Noi crediamo che una famiglia sia molto meglio di un canile, per innumerevoli ragioni, tra cui quella di poter conoscere meglio il cane, di potergli dare competenze utili in un’ambiente completamente diverso da quello irlandese (il Progetto Fostering prevede l’assistenza di un educatore o istruttore) e, ultimo ma non meno importante, di potergli dare un po’ di amore e di calore.

Tutte cose poco interessanti per chi ritiene che i greyhound siano tenuti bene dai trainer in Irlanda.

Entra a far parte delle rete Foster di Pet levrieri: aiuterai i levrieri e farai una scelta antiracing.

© Riproduzione riservata

Massimo Greco
Written by Massimo Greco

1 Comment responses

  1. Avatar
    ottobre 07, 2017

    interessante sapere queste cose…

    Reply

Leave a comment