Open top menu
Cane e gatto: come iniziare la convivenza e risolvere problemi

Cane e gatto: come iniziare la convivenza e risolvere problemi

Vi consigliamo  di leggere l’articolo “Come possiamo risolvere i problemi fra cane e gatto? Come iniziare la convivenza? È rischioso? E quanto? C’è una procedura passo passo che si può seguire? “ dedicato all’argomento, pubblicato sul Blog di Angelo Vaira.

Come possiamo risolvere i problemi fra cane e gatto? Come iniziare la convivenza? È rischioso? E quanto? C’è una procedura passo passo che si può seguire?

Ecco come ho affrontato il problema di aggressività di un cane verso i gatti di casa in diretta televisiva, durante la trasmissione,”I Fatti Vostri” (Rai 2).

Concetti chiave che spiego nel video:

Sicurezza prima di tutto: usa trasportini, ambienti separati, cancelletti, guinzaglio (non stupirti di usarlo in casa: è utile e naturalmente è solo per i primi tempi), mobilia come divisorio, distanze appropriate e te stesso per “splittare” si dice in gergo, ovvero dividere cane e gatto ponendoti nel mezzo

usa un trasportino: cane e gatto familiarizzeranno con presenza e odore reciproco; anche il cane può stare dentro il trasportino (abitualo; se non sai come fare fa’ una lezione privata con un educatore cinofilo), in questo modo il gatto sarà libero di muoversi in tutta sicurezza per casa, mentre il cane si abituerà a percepirlo in movimento
se usi guinzaglio, uno lungo tre metri ti garantisce un maggior margine di manovra e un miglior uso di distanze e prossemica

usare la pettorina invece del collare stresserà meno il cane, allentando la tensione e agevolando la relazione fra i due quattrozampe

prepara il cane: insegnagli il significato di un segnale-schiocco attraverso il processo dell’ancoraggio (guarda il video)

sposta l’ancoraggio sulla vista dei gatti: da ora in poi invece di innescare l’inseguimento dovrà innescare emozioni di calma e relax (guarda il video)

usa un cancelletto per bambini: lavori in sicurezza, i gatti si sentiranno più tranquilli e potranno anche a piacimento passare dalle sbarre per approcciarsi al cane o mettersi al sicuro quando vorranno
usa il tuo stesso corpo nello spazio (prossemica) per mediare: dividere o bloccare, proteggere, avvicinare e calmare

sii graduale: resta sulle emozioni della curiosità e della scoperta perché familiarizzino bene l’un l’altro
non usare “no”, “strattonate”, urla e punizioni: se sei costretto ad agire in questo modo vuol dire che stai procedendo troppo velocemente e l’effetto è quello di legare l’altro animale ad emozioni di tensione, paura, aggressività, predazione ecc.

punta a calma e relax: se stai facendo bene il cane si sdraia e riposa insieme a voi
per una convivenza più facile posa le ciotole con la pappa dei gatti su ripiani abbastanza alti da non permettere al cane di arrivarci

prenditi i tuoi tempi: tieni presente che in questo video siamo in uno studio televisivo e ho dovuto schiacciare il piede sull’acceleratore perché avevamo solo dieci minuti; non pretendere di ottenere gli stessi risultati in così poco tempo, io faccio questo lavoro da quindici anni ed è molto meglio che tu faccia tutto con calma
cane gatto aggressività

Qualche considerazione generale su procedura, metodo e capacità

Il lavoro di educazione e riabilitazione cognitivo-comportamentale del cane è fatto per il 30% di procedure e per il 70% di capacità della persona […]

Per leggere l’articolo integrale: http://angelovaira.it/blog/cane-e-gatto-problemi-di-aggressivita-video-diretta-rai-2/#more-3764″>

Stefania Traini
Written by Stefania Traini

No comments yet.

No one has left a comment for this post yet!

Leave a comment